Lunedì, 02 Novembre 2015 15:06

Bollettino di Vigilanza Settembre 2015

Bollettino di Vigilanza Anno III n. 9/2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI

pubblicato il 30 ottobre 2015 (decreto legge 6 luglio 2012 n. 95 convertito con legge 7 agosto 2012 n. 135) Registrazione presso il Tribunale di Roma n. 278/2006 del 14 luglio 2006 Direzione e Redazione presso l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni Direttore responsabile Roberto NOVELLI Indirizzo via del Quirinale 21 – 00187 ROMA Telefono +39 06 42133.1 Fax +39 06 42133.775 Sito internet http://www.ivass.it Tutti i diritti riservati. È consentita la riproduzione a fini didattici e non commerciali, a condizione che venga citata la fonte ISSN 2420-9155 (online) I Indice 1. PROVVEDIMENTI IVASS ............................................................................................................. 3 1.1 PROVVEDIMENTI RIGUARDANTI SINGOLE IMPRESE ............................................................. 5 Provvedimento n. 0112637/15 dell’8 settembre 2015............................................................... 5 CREDEMVITA S.p.A. - Inclusione di passività subordinate nel margine di solvibilità disponibile. Provvedimento............................................................................................................ 5 Provvedimento n. 0120801/15 del 22 settembre 2015.............................................................. 6 Alleanza Assicurazioni S.p.A. e Simgenia S.p.A. – Società di Intermediazione Mobiliare – Autorizzazione, ai sensi dell’articolo 201 del decreto legislativo 7 settembre 2005 n. 209 e del Regolamento Isvap n. 14 del 18 febbraio 2008, alla fusione per incorporazione di Simgenia S.p.A. – Società di Intermediazione Mobiliare in Alleanza Assicurazioni S.p.A.. Provvedimento............................................................................................................................... 6 2. PROVVEDIMENTI SANZIONATORI ............................................................................................ 7 2.1 SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE: ORDINANZE ........................................................ 9 3. IMPRESE IN LCA........................................................................................................................ 53 3.1 INFORMATIVA SEMESTRALE AI CREDITORI AULL’ANDAMENTO DELLE LIQUIDAZIONI..... 55 3.1.1 GRUPPO A) LIQUIDAZIONI COATTE AMMINISTRATIVE DI IMPRESE AUTORIZZATE ALL’ESERCIZIO DELL’ATTIVITA’ ASSICURATIVA......................................... 55 3.1.2 GRUPPO B) LIQUIDAZIONI COATTE AMMINISTRATIVE DI SOCIETA’ NON ASSICURATIVE DEL GRUPPO PREVIDENZA ....................................................................... 168 4. ATTI COMUNITARI DI INTERESSE PER IL SETTORE ASSICURATIVO ............................. 189 4.1 SELEZIONE DALLA GAZZETTA UFFICIALE DELL’UNIONE EUROPEA................................ 191 5. STATISTICHE ........................................................................................................................... 193 5.1 SANZIONI.................................................................................................................................. 195 6. ALTRE NOTIZIE........................................................................................................................ 199 6.1 TRASFERIMENTI DI PORTAFOGLIO DI IMPRESE DELLO SPAZIO ECONOMICO EUROPEO................................................................................................................................. 201 Comunicazione del trasferimento del portafoglio assicurativo danni, ivi inclusi contratti per assicurati residenti in Italia, a seguito di fusione da “Helvetia Versicherungen Österreich AG” a “Helvetia Versicherungen AG”, entrambe con sede in Austria. ...................................... 201 6.2 TASSO DI INTERESSE GARANTIBILE NEI CONTRATTI RELATIVI AI RAMI VITA................ 202 Determinazione dei tassi massimi di interesse da applicare ai contratti dei rami vita espressi in euro che prevedono una garanzia di tasso di interesse. ........................................ 202 I 1. PROVVEDIMENTI IVASS Provvedimenti IVASS 1.1 PROVVEDIMENTI RIGUARDANTI SINGOLE IMPRESE Provvedimento n. 0112637/15 dell’8 settembre 2015 CREDEMVITA S.p.A. - Inclusione di passività subordinate nel margine di solvibilità disponibile. Provvedimento. Con lettera del 14 luglio 2015 Credemvita S.p.A. ha comunicato preventivamente, ai sensi dell’art. 22 del Regolamento ISVAP n. 19/2008, l’intenzione di emettere un prestito subordinato a scadenza fissa, per un importo fino a € 50 milioni, da includere tra gli elementi costitutivi del margine di solvibilità dell’impresa. Ad esito dell’istruttoria effettuata si rileva, ai sensi dell’art. 22 del Regolamento ISVAP n. 19/2008, la sussistenza dei requisiti per l’inserimento del suddetto prestito subordinato tra gli elementi costitutivi del margine di solvibilità dell’impresa fino al limite massimo del 25% del minor valore tra il margine disponibile ed il margine di solvibilità richiesto. Nel quadro regolamentare vigente resta impregiudicata ogni valutazione di codesta società in ordine alla computabilità dell’emittendo prestito tra i fondi propri di base ai sensi della Direttiva 2009/138/CE e delle relative norme di attuazione. Il Consigliere (ex art. 3, comma 3 e 4 dello Statuto IVASS) 5 Bollettino IVASS n. 9/2015 Provvedimento n. 0120801/15 del 22 settembre 2015 Alleanza Assicurazioni S.p.A. e Simgenia S.p.A. – Società di Intermediazione Mobiliare – Autorizzazione, ai sensi dell’articolo 201 del decreto legislativo 7 settembre 2005 n. 209 e del Regolamento Isvap n. 14 del 18 febbraio 2008, alla fusione per incorporazione di Simgenia S.p.A. – Società di Intermediazione Mobiliare in Alleanza Assicurazioni S.p.A.. Provvedimento Con lettera del 9 giugno 2015, successivamente integrata in data 19 giugno e 16 settembre 2015, Alleanza Assicurazioni S.p.A. e Simgenia S.p.A. – Società di Intermediazione Mobiliare hanno presentato istanza congiunta di autorizzazione, ai sensi dell’articolo 201 del decreto legislativo 7 settembre 2005 n. 209 e del Regolamento Isvap n. 14 del 18 febbraio 2008, alla fusione per incorporazione di Simgenia S.p.A. – Società di Intermediazione Mobiliare in Alleanza Assicurazioni S.p.A.. Al riguardo, avuto presente l’esito dell’istruttoria e tenuto conto anche di quanto previsto dall’articolo 5 del progetto di fusione allegato all’istanza di autorizzazione, si accerta, ai sensi dell’art. 201 del decreto legislativo 7 settembre 2005 n. 209 e del Regolamento Isvap n. 14 del 18 febbraio 2008, la sussistenza dei requisiti per l’autorizzazione alla fusione di cui all’oggetto. In relazione a ciò questo Istituto autorizza, ai sensi dell’art. 201 del decreto legislativo 7 settembre 2005 n. 209 e del Regolamento Isvap n. 14 del 18 febbraio 2008, la fusione per incorporazione di Simgenia S.p.A. – Società di Intermediazione Mobiliare in Alleanza Assicurazioni S.p.A.. Per delegazione del Direttorio Integrato 6 2. PROVVEDIMENTI SANZIONATORI Provvedimenti sanzionatori 2.1 SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE: ORDINANZE ORDINANZA PROT. N. 108347/15 DEL 1° SETTEMBRE 2015 Destinatario Probus Insurance Company Europe Ltd, in persona del rappresentante per la gestione dei sinistri per l’Italia Hertz Claim Management s.r.l., presso il domicilio in Roma. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.700,00 (duemilasettecento/00). ORDINANZA PROT. N. 108417/15 DEL 1° SETTEMBRE 2015 Destinatario Alpha Insurance A/S - Rappresentanza Generale per l’Italia, in persona del dott. Coppitelli Paolo di IFC Insurance and Financial Consultant s.r.l., con sede in Roma. Violazione art. 148, comma 8, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la corresponsione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 20.000,00 (ventimila/00). ORDINANZA PROT. N. 109140/15 DEL 2 SETTEMBRE 2015 Destinatario Vittoria Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 20.000,00 (ventimila/00). ORDINANZA PROT. N. 109161/15 DEL 2 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zurich Insurance Plc - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). 9 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 109175/15 DEL 2 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - rilascio al contraente di errata attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 3.750,00 (tremilasettecentocinquanta/00). ORDINANZA PROT. N. 109204/15 DEL 2 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zurich Insurance Plc - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione artt. 141 e 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.260,00 (milleduecentosessanta/00). ORDINANZA PROT. N. 109261/15 DEL 2 SETTEMBRE 2015 Destinatario Aparo Luciano, presso la residenza in Avola (SR). Violazione combinato disposto degli artt. 117 del d.lgs. 209/2005 e 54 del regolamento ISVAP 5/2006 e degli artt. 183 del d.lgs. 209/2005 e 47 del regolamento ISVAP 5/2006, in relazione alle seguenti fattispecie: - mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale; - mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati. Norma Sanzionatoria art. 324, commi 1 e 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 40.000,00 (quarantamila/00). ORDINANZA PROT. N. 109269/15 DEL 2 SETTEMBRE 2015 Destinatario Vittoria Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). 10 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 109274/15 DEL 2 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione artt. 141 e 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.260,00 (milleduecentosessanta/00). ORDINANZA PROT. N. 109279/15 DEL 2 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zurich Insurance Plc - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione artt. 141 e 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.260,00 (milleduecentosessanta/00). ORDINANZA PROT. N. 109287/15 DEL 2 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zurich Insurance Plc - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione artt. 141 e 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.260,00 (milleduecentosessanta/00). ORDINANZA PROT. N. 109293/15 DEL 2 SETTEMBRE 2015 Destinatario Nationale Suisse s.p.a., con sede in San Donato Milanese (MI). Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art.315, comma 1, lettera b), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.800,00 (milleottocento/00). 11 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 109777/15 DEL 3 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zurich Insurance Plc - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera c), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.835,00 (duemilaottocentotrentacinque/00). ORDINANZA PROT. N. 109779/15 DEL 3 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione art. 125, comma 5 bis, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.000,00 (quattromila/00). ORDINANZA PROT N. 109781/15 DEL 3 SETTEMBRE 2015 Destinatario Società Cattolica di Assicurazioni - Società Cooperativa, con sede in Verona. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 7.500,00 (settemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 109782/15 DEL 3 SETTEMBRE 2015 Destinatario Linear Assicurazioni s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.260,00 (milleduecentosessanta/00). 12 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 109783/15 DEL 3 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.260,00 (milleduecentosessanta/00). ORDINANZA PROT. N. 110589/15 DEL 4 SETTEMBRE 2015 Destinatario Donau Versicherung AG Vienna Insurance Group - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 20.400,00 (ventimilaquattrocento/00). ORDINANZA PROT. N. 110590/15 DEL 4 SETTEMBRE 2015 Destinatario Donau Versicherung AG Vienna Insurance Group - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione artt. 141 e 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 40.000,00 (quarantamila/00). ORDINANZA PROT. N. 111940/15 DELL’8 SETTEMBRE 2015 Destinatario Credito Emiliano s.p.a., con sede in Reggio Emilia; Compass s.p.a., con sede in Milano (in concorso). Violazione combinato disposto degli artt. 191, comma 1, lettera b), del d.lgs. 209/2005 e 2 del regolamento ISVAP 40/2012 (accertamenti ispettivi presso il Credito Emiliano s.p.a.) - intermediazione da parte di Credito Emiliano e Compass di n. 176 coperture vita delle compagnie del gruppo Metlife, connesse all’erogazione di prestiti personali di Compass, senza presentazione ai clienti dell’informativa di cui all’art. 2 del citato regolamento ISVAP 40/2012. Norma Sanzionatoria art. 327, comma 4, del d.lgs. 209/2005 (Pluralità di violazioni e misure correttive, cosiddetto illecito seriale). Importo sanzione euro 50.000,00 (cinquantamila/00). 13 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 112029/15 DELL’8 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione art. 125, comma 5 bis, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.666,67 (quattromilaseicentosessantasei/67). ORDINANZA PROT. N. 112061/15 DELL’8 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione art. 125, comma 5 bis, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 6.000,00 (seimila/00). ORDINANZA PROT. N. 112123/15 DELL’8 SETTEMBRE 2015 Destinatario Axa Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 112130/15 DELL’8 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione art. 125, comma 5 bis, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 3.000,00 (tremila/00). 14 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 113440/15 DEL 9 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione art. 125, comma 5 bis, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.000,00 (quattromila/00). ORDINANZA PROT. N. 113450/15 DEL 9 SETTEMBRE 2015 Destinatario Carige Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 420,00 (quattrocentoventi/00). ORDINANZA PROT. N. 113455/15 DEL 9 SETTEMBRE 2015 Destinatario Axa Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 141 e 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera c), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.050,00 (quattromilacinquanta/00). ORDINANZA PROT. N. 113460/15 DEL 9 SETTEMBRE 2015 Destinatario Carige Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 700,00 (settecento/00). 15 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 113461/15 DEL 9 SETTEMBRE 2015 Destinatario Aviva Italia s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 113473/15 DEL 9 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a. (già Assicurazioni Generali s.p.a.), con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 113593/15 DEL 9 SETTEMBRE 2015 Destinatario Assicuratrice Milanese s.p.a. - Compagnia di Assicurazioni, con sede in San Cesario sul Panaro (MO). Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - mancato rilascio al contraente, almeno 30 giorni prima della scadenza del contratto, dell’attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.500,00 (quattromilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 113594/15 DEL 9 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione artt. 125, comma 5 bis, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.666,67 (quattromilaseicentosessantasei/67). 16 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 113991/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario Aviva Italia s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 10.800,00 (diecimilaottocento/00) ORDINANZA PROT. N. 114004/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 114012/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario Fata Assicurazioni Danni s.p.a., con sede in Roma. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 5.000,00 (cinquemila/00). ORDINANZA PROT. N. 114070/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario Axa Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 7.500,00 (settemilacinquecento/00). 17 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 114101/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 114152/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario Groupama Assicurazioni s.p.a., con sede in Roma. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 700,00 (settecento/00). ORDINANZA PROT. N. 114160/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario Axa Global Direct Seguros y Reaseguros S.A.U. - Rappresentanza Generale per l’Italia (già Direct&Quixa Seguros y Reaseguros S.A.U.), con sede in Milano. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 7.500,00 (settemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 114168/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario Axa MPS Danni s.p.a., con sede in Roma. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 7.500,00 (settemilacinquecento/00). 18 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 114175/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario Axa Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 114197/15 DEL10 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 114200/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zuritel s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 420,00 (quattrocentoventi/00). ORDINANZA PROT. N. 114267/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.100,00 (duemilacento/00). 19 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 114328/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione art. 125, comma 5 bis, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 6.000,00 (seimila/00). ORDINANZA PROT. N. 114337/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario Carige Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 114347/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zurich Insurance Plc - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 420,00 (quattrocentoventi/00). ORDINANZA PROT. N. 114353/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zurich Insurance Plc - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione artt. 141 e 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.100,00 (duemilacento/00). 20 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 114368/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zuritel s.p.a., con sede in Milano. Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - rilascio al contraente di errata attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 3.750,00 (tremilasettecentocinquanta/00). ORDINANZA PROT. N. 114395/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario Assicuratrice Milanese s.p.a. - Compagnia di Assicurazioni, con sede in San Cesario sul Panaro (MO). Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera c), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.725,00 (quattromilasettecentoventicinque/00). ORDINANZA PROT. N. 114397/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario Genialloyd s.p.a., con sede in Milano. Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - rilascio al contraente di errata attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 3.750,00 (tremilasettecentocinquanta/00). ORDINANZA PROT. N. 114404/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). 21 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 114405/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - rilascio al contraente di errata attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 3.750,00 (tremilasettecentocinquanta/00). ORDINANZA PROT. N. 114406/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 114424/15 DEL 10 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 114427/15 DEL10 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione combinato disposto degli artt. 134, comma 1 bis, del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - mancato rilascio, entro il termine di 15 giorni dalla richiesta del contraente, dell’attestazione sullo stato del rischio relativa agli ultimi 5 anni. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 3.000,00 (tremila/00). 22 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 115548/15 DEL 14 SETTEMBRE 2015 Destinatario Enterprise Insurance Company Plc, in persona del rappresentante per la gestione dei sinistri per l’Italia Multi Serass s.r.l., presso il domicilio in Milano. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera d), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 8.100,00 (ottomilacento/00). ORDINANZA PROT. N. 119304/15 DEL 21 SETTEMBRE 2015 Destinatario Carige Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 20.400,00 (ventimilaquattrocento/00). ORDINANZA PROT. N. 119305/15 DEL 21 SETTEMBRE 2015 Destinatario Carige Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 20.000,00 (ventimila/00). ORDINANZA PROT. N. 119308/15 DEL 21 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione art. 125, comma 5 bis, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 3.000,00 (tremila/00). 23 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 119309/15 DEL 21 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione art. 125, comma 5 bis, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.000,00 (duemila/00). ORDINANZA PROT. N. 119311/15 DEL 21 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera c), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.050,00 (quattromilacinquanta/00). ORDINANZA PROT. N. 119312/15 DEL 21 SETTEMBRE 2015 Destinatario Fata Assicurazioni Danni s.p.a., con sede in Roma. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 119313/15 DEL 21 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). 24 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 119314/15 DEL 21 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.260,00 (milleduecentosessanta/00). ORDINANZA PROT. N. 119315/15 DEL 21 SETTEMBRE 2015 Destinatario Axa Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 141 e 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 60.000,00 (sessantamila/00). ORDINANZA PROT. N. 119317/15 DEL 21 SETTEMBRE 2015 Destinatario Enterprise Insurance Company Plc, in persona del rappresentante per la gestione dei sinistri per l’Italia Multi Serass s.r.l., presso il domicilio in Milano. Violazione art. 148, comma 6, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la corresponsione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 119622/15 DEL 21 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione art. 125, comma 5 bis, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.000,00 (quattromila/00). 25 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 119631/15 DEL 21 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 119636/15 DEL 21 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 20.400,00 (ventimilaquattrocento/00). ORDINANZA PROT. N. 119640/15 DEL 21 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 40.000,00 (quarantamila/00). ORDINANZA PROT. N. 119643/15 DEL 21 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 20.400,00 (ventimilaquattrocento/00). 26 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 120268/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione artt. 125, comma 5 bis, e 148, comma 6, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la corresponsione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 120286/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Aviva Italia s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 27.200,00 (ventisettemiladuecento/00). ORDINANZA PROT. N. 120331/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zurich Insurance Plc - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.260,00 (milleduecentosessanta/00). ORDINANZA PROT. N. 120347/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zurich Insurance Plc - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). 27 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 120357/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Sara Assicurazioni s.p.a., con sede in Roma. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 120379/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zurich Insurance Plc - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 7.500,00 (settemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 120386/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zuritel s.p.a., con sede in Milano. Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - rilascio al contraente di errata attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 120390/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Groupama Assicurazioni s.p.a., con sede in Roma. Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - mancato rilascio al contraente, almeno 30 giorni prima della scadenza del contratto, dell’attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.500,00 (quattromilacinquecento/00). 28 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 120399/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Crédit Agricole Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 700,00 (settecento/00). ORDINANZA PROT. N. 120405/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 120413/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Sara Assicurazioni s.p.a., con sede in Roma. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 120451/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - rilascio al contraente di errata attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 3.750,00 (tremilasettecentocinquanta/00). 29 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 120458/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Axa Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.800,00 (milleottocento/00). ORDINANZA PROT. N. 120469/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Genialloyd s.p.a., con sede in Milano. Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - rilascio al contraente di errata attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 120470/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Axa Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 7.500,00 (settemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 120478/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione art. 125, comma 5 bis, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.666,67 (quattromilaseicentosessantasei/67). 30 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 120484/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Bettinelli Maura, presso la residenza in San Pellegrino Terme (BG) e con domicilio eletto presso lo studio dell’avv. Necci Eleonora, in Roma. Violazione combinato disposto degli artt. 183 del d.lgs. 209/2005 e 47 del regolamento ISVAP 5/2006 e degli artt. 117 del d.lgs. 209/2005 e 54 del regolamento ISVAP 5/2006, in relazione alle seguenti fattispecie: - mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in n. 4 occasioni; - mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale. Norma Sanzionatoria art. 324, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 5.000,00 (cinquemila/00). ORDINANZA PROT. N. 120492/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zuritel s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, commi 2 e 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 14.000,00 (quattordicimila/00). ORDINANZA PROT. N. 120624/15 DEL 22 SETTEMBRE 2015 Destinatario Sara Assicurazioni s.p.a., con sede in Roma. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 700,00 (settecento/00). ORDINANZA PROT. N. 120849/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario Nationale Suisse s.p.a., con sede in San Donato Milanese (MI). Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 5.000,00 (cinquemila/00). 31 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 120850/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario Admiral Insurance Company Ltd, in persona del rappresentante per la gestione dei sinistri per l’Italia EUI Ltd, presso il domicilio in Roma. Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - mancato rilascio al contraente, almeno 30 giorni prima della scadenza del contratto, dell’attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 3.000,00 (tremila/00). ORDINANZA PROT. N. 120851/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario Allianz s.p.a., con sede in Trieste. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 120852/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario Fata Assicurazioni Danni s.p.a., con sede in Roma. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 120854/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario Tua Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.800,00 (milleottocento/00). 32 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 120857/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario Allianz s.p.a., con sede in Trieste. Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - rilascio al contraente di errata attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.500,00 (millecinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 120858/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario Allianz s.p.a., con sede in Trieste. Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - mancato rilascio al contraente, almeno 30 giorni prima della scadenza del contratto, dell’attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.500,00 (millecinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 120860/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario Fata Assicurazioni Danni s.p.a., con sede in Roma. Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - rilascio al contraente di errata attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 3.750,00 (tremilasettecentocinquanta/00). ORDINANZA PROT. N. 120862/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 7.500,00 (settemilacinquecento/00). 33 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 120866/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario Allianz s.p.a., con sede in Trieste. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 120867/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.800,00 (milleottocento/00). ORDINANZA PROT. N. 120869/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera c), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.725,00 (quattromilasettecentoventicinque/00). ORDINANZA PROT. N. 120871/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 5.000,00 (cinquemila/00). 34 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 120874/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario Donau Versicherung AG Vienna Insurance Group - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione artt. 141 e 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera d), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 8.100,00 (ottomilacento/00). ORDINANZA PROT. N. 120876/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 20.400,00 (ventimilaquattrocento/00). ORDINANZA PROT. N. 120880/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.260,00 (milleduecentosessanta/00). ORDINANZA PROT. N. 120881/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario Assicuratrice Milanese s.p.a. - Compagnia di Assicurazioni, con sede in San Cesario sul Panaro (MO). Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, commi 2 e 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 14.280,00 (quattordicimiladuecentottanta/00). 35 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 120886/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 120888/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 420,00 (quattrocentoventi/00). ORDINANZA PROT. N. 120893/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, commi 2 e 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 28.000,00 (ventottomila/00). ORDINANZA PROT. N. 121476/15 DEL 23 SETTEMBRE 2015 Destinatario Nazzarino Rosa, presso la residenza in Milano. Violazione combinato disposto degli artt. 117 del d.lgs. 209/2005 e 54 del regolamento ISVAP 5/2006 e degli artt. 183 del d.lgs. 209/2005 e 47 del regolamento ISVAP 5/2006, in relazione alle seguenti fattispecie: - mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale; - mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in n. 46 occasioni. Norma Sanzionatoria art. 324, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 102.000,00 (centoduemila/00). 36 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 122058/15 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Destinatario Allianz s.p.a., con sede in Trieste. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 20.000,00 (ventimila/00). ORDINANZA PROT. N. 122066/15 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zighetti Alberto, presso la residenza in Codogno (LO). Violazione combinato disposto degli artt. 117 del d.lgs. 209/2005 e 54 del regolamento ISVAP 5/2006 e degli artt. 183 del d.lgs. 209/2005 e 47 del regolamento ISVAP 5/2006, in relazione alle seguenti fattispecie: - mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale; - mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in n. 17 occasioni. Norma Sanzionatoria art. 324, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 27.000,00 (ventisettemila/00). ORDINANZA PROT. N. 122069/15 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Destinatario Lastrucci Davide, presso la residenza in Quarrata (PT). Violazione combinato disposto degli artt. 117 del d.lgs. 209/2005 e 54 del regolamento ISVAP 5/2006 e degli artt. 183 del d.lgs. 209/2005 e 47 del regolamento ISVAP 5/2006, in relazione alle seguenti fattispecie: - mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale; - mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in n. 26 occasioni. Norma Sanzionatoria art. 324, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 36.000,00 (trentaseimila/00). ORDINANZA PROT. N. 122071/15 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Destinatario Degiovannini Nicola, presso la residenza in Bologna e con domicilio eletto presso lo studio dell’avv. Ruffolo Ugo, in Roma. Violazione combinato disposto degli artt. 183 del d.lgs. 209/2005 e 47 del regolamento ISVAP 5/2006 - mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in n. 177 occasioni. Norma Sanzionatoria art. 324, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 177.000,00 (centosettantasettemila/00). 37 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 122073/15 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Destinatario Piras Paolo, presso la residenza in Villacidro (VS). Violazione combinato disposto degli artt. 183 del d.lgs. 209/2005 e 47 del regolamento ISVAP 5/2006 e degli artt. 117 del d.lgs. 209/2005 e 54 del regolamento ISVAP 5/2006, in relazione alle seguenti fattispecie: - mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in n. 21 occasioni; - mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale. Norma Sanzionatoria art. 324, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 31.000,00 (trentunomila/00). ORDINANZA PROT. N. 122076/15 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Destinatario Best Broker s.r.l., in persona del legale rappresentante, sig. Beltramini Alberto, presso la residenza in Nogara (VR). Violazione art. 306 del d.lgs. 209/2005 - mancata ottemperanza nei termini alle richieste dell’Istituto. Norma Sanzionatoria art. 306, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 20.000,00 (ventimila/00). ORDINANZA PROT. N. 122915/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zuritel s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 122919/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Fata Assicurazioni Danni s.p.a., con sede in Roma. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 5.000,00 (cinquemila/00). 38 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 122921/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 122923/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 7.500,00 (settemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 122930/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 7.500,00 (settemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 122932/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Donau Versicherung AG Vienna Insurance Group - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione artt. 141 e 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera d), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 8.100,00 (ottomilacento/00). 39 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 122934/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 5.000,00 (cinquemila/00). ORDINANZA PROT. N. 122935/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 280,00 (duecentottanta/00). ORDINANZA PROT. N. 122941/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione art. 125, comma 5 bis, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 3.000,00 (tremila/00). ORDINANZA PROT. N. 122942/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - mancato rilascio al contraente, almeno 30 giorni prima della scadenza del contratto, dell’attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.500,00 (quattromilacinquecento/00). 40 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 122944/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Donau Versicherung AG Vienna Insurance Group - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione artt. 127 del d.lgs. 209/2005 e 11 del regolamento ISVAP 13/2008 - mancato rilascio al contraente, entro il termine previsto, del certificato e contrassegno relativi ad una polizza r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.500,00 (millecinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 122947/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 122951/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.800,00 (milleottocento/00). ORDINANZA PROT. N. 122957/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Genertel s.p.a., con sede in Trieste. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 900,00 (novecento/00). 41 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 122961/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Genertel s.p.a., con sede in Trieste. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 420,00 (quattrocentoventi/00). ORDINANZA PROT. N. 123225/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Donau Versicherung AG Vienna Insurance Group - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - rilascio al contraente di errata attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 3.750,00 (tremilasettecentocinquanta/00). ORDINANZA PROT. N. 123227/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 123228/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Admiral Insurance Company Ltd, in persona del rappresentante per la gestione dei sinistri per l’Italia EUI Ltd, presso il domicilio in Roma. Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - rilascio al contraente di errata attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). 42 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 123231/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Zurich Insurance Plc - Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in Milano. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 30.000,00 (trentamila/00). ORDINANZA PROT. N. 123232/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera c), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.050,00 (quattromilacinquanta/00). ORDINANZA PROT. N. 123279/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Assicuratrice Milanese s.p.a. - Compagnia di Assicurazioni, con sede in San Cesario sul Panaro (MO). Violazione artt. 149, comma 4, e 150, del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la corresponsione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 123287/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Vittoria Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 420,00 (quattrocentoventi/00). 43 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 123294/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Allianz s.p.a., con sede in Trieste. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 123470/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.100,00 (duemilacento/00). ORDINANZA PROT. N. 123472/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 700,00 (settecento/00). ORDINANZA PROT. N. 123488/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 5.000,00 (cinquemila/00). 44 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 123497/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 5.000,00 (cinquemila/00). ORDINANZA PROT. N. 123499/15 DEL 25 SETTEMBRE 2015 Destinatario Carige Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 7.500,00 (settemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 123838/15 DEL 28 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 420,00 (quattrocentoventi/00). ORDINANZA PROT. N. 123841/15 DEL 28 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 10.800,00 (diecimilaottocento/00). 45 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 123844/15 DEL 28 SETTEMBRE 2015 Destinatario Admiral Insurance Company Ltd, in persona del rappresentante per la gestione dei sinistri per l’Italia EUI Ltd, presso il domicilio in Roma. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 20.400,00 (ventimilaquattrocento/00). ORDINANZA PROT. N. 123849/15 DEL 28 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 123853/15 DEL 28 SETTEMBRE 2015 Destinatario Allianz s.p.a., con sede in Trieste. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 123854/15 DEL 28 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione art. 125, comma 5 bis, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.000,00 (quattromila/00). 46 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 123862/15 DEL 28 SETTEMBRE 2015 Destinatario Axa Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 123865/15 DEL 28 SETTEMBRE 2015 Destinatario U.C.I. - Ufficio Centrale Italiano, con sede in Milano. Violazione art. 125, comma 5 bis, del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 4.000,00 (quattromila/00). ORDINANZA PROT N. 123867/15 DEL 28 SETTEMBRE 2015 Destinatario Carige Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 7.500,00 (settemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 123889/15 DEL 28 SETTEMBRE 2015 Destinatario Axa Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.800,00 (milleottocento/00). 47 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 124713/15 DEL 29 SETTEMBRE 2015 Destinatario Alleanza Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione combinato disposto degli artt. 7 e 189, comma 1, del d.lgs. 209/2005 e 6, comma 2, del regolamento ISVAP 24/2008 - mancato riscontro, entro il termine di 30 giorni, alla richiesta di informativa e documentazione avanzata dall’Istituto relativamente ad un reclamo. Norma Sanzionatoria art. 310, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 15.792,45 (quindicimilasettecentonovantadue/45). ORDINANZA PROT. N. 124720/15 DEL 29 SETTEMBRE 2015 Destinatario Hansard Europe Ltd, con sede in Dublino, Irlanda. Violazione combinato disposto degli artt. 183 del d.lgs. 209/2005, 27, 28 e 29 del regolamento ISVAP 35/2010 - obblighi di informazione e della pubblicità dei prodotti assicurativi. Norma Sanzionatoria art. 319, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.000,00 (duemila/00). ORDINANZA PROT. N. 124759/15 DEL 29 SETTEMBRE 2015 Destinatario Assinet s.r.l., con sede in Vigonza (PD). Violazione combinato disposto degli artt. 117 del d.lgs. 209/2005 e 54 del regolamento ISVAP 5/2006 - mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale. Norma Sanzionatoria art. 324, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 5.500,00 (cinquemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 124760/15 DEL 29 SETTEMBRE 2015 Destinatario Gregorio Gabriele, presso la residenza in Valderice (TP). Violazione combinato disposto degli artt. 183 del d.lgs. 209/2005 e 47 del regolamento ISVAP 5/2006 - mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati. Norma Sanzionatoria art. 324, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 3.000,00 (tremila/00). 48 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 124761/15 DEL 29 SETTEMBRE 2015 Destinatario Cardillo Giuseppe, presso la residenza in Cassino (FR). Violazione combinato disposto degli artt. 117 del d.lgs. 209/2005 e 54 del regolamento ISVAP 5/2006 e degli artt. 183 del d.lgs. 209/2005 e 47 del regolamento ISVAP 5/2006, in relazione alle seguenti fattispecie: - mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale; - mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in n. 4 occasioni. Norma Sanzionatoria art. 324, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 5.000,00 (cinquemila/00). ORDINANZA PROT. N. 124811/15 DEL 29 SETTEMBRE 2015 Destinatario CISAL SS.AA.FF. s.r.l., con sede in Roma. Violazione combinato disposto degli artt. 117 del d.lgs. 209/2005 e 54 del regolamento ISVAP 5/2006 - mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale. Norma Sanzionatoria art. 324, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.000,00 (mille/00). ORDINANZA PROT N. 125618/15 DEL 30 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 141 e 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.800,00 (milleottocento/00). ORDINANZA PROT. N. 125779/15 DEL 30 SETTEMBRE 2015 Destinatario Carige Assicurazioni s.p.a., con sede in Milano. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera d), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 10.800,00 (diecimilaottocento/00) 49 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 125789/15 DEL 30 SETTEMBRE 2015 Destinatario Generali Italia s.p.a., con sede in Mogliano Veneto (TV). Violazione combinato disposto degli artt. 134 del d.lgs. 209/2005 e 4 del regolamento ISVAP 4/2006 - rilascio al contraente di errata attestazione sullo stato del rischio. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 2, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 125799/15 DEL 30 SETTEMBRE 2015 Destinatario Liguria Società di Assicurazioni s.p.a., con sede Milano. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 125819/15 DEL 30 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 125825/15 DEL 30 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 141 e 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). 50 Provvedimenti sanzionatori ORDINANZA PROT. N. 125832/15 DEL 30 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione artt. 141 e 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 125850/15 DEL 30 SETTEMBRE 2015 Destinatario Allianz s.p.a., con sede in Trieste Violazione artt. 146 del d.lgs. 209/2005 e 5 del d.m. 191/2008 - mancato accoglimento, entro il termine di 60 giorni, della richiesta di accesso agli atti di un fascicolo di un sinistro r.c. auto. Norma Sanzionatoria art. 317, comma 1, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00). ORDINANZA PROT. N. 125855/15 DEL 30 SETTEMBRE 2015 Destinatario Allianz s.p.a., con sede in Trieste. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 600,00 (seicento/00). ORDINANZA PROT. N. 125864/15 DEL 30 SETTEMBRE 2015 Destinatario Allianz s.p.a., con sede in Trieste. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera a), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 700,00 (settecento/00). 51 Bollettino IVASS n. 9/2015 ORDINANZA PROT. N. 125870/15 DEL 30 SETTEMBRE 2015 Destinatario UnipolSai s.p.a., con sede in Bologna. Violazione art. 148 del d.lgs. 209/2005 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la comunicazione dei motivi di diniego dell’offerta di risarcimento al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.800,00 (milleottocento/00). ORDINANZA PROT. N. 125881/15 DEL 30 SETTEMBRE 2015 Destinatario Allianz s.p.a., con sede in Trieste. Violazione artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 - mancato rispetto, per un sinistro del ramo r.c. auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato. Norma Sanzionatoria art. 315, comma 1, lettera b), e comma 3, del d.lgs. 209/2005. Importo sanzione euro 1.260,00 (milleduecentosessanta/00). 52 3. IMPRESE IN LCA Imprese in l.c.a. 3.1 INFORMATIVA SEMESTRALE AI CREDITORI AULL’ANDAMENTO DELLE LIQUIDAZIONI 3.1.1 GRUPPO A) LIQUIDAZIONI COATTE AMMINISTRATIVE DI IMPRESE AUTORIZZATE ALL’ESERCIZIO DELL’ATTIVITA’ ASSICURATIVA SITUAZIONE AL 30 GIUGNO 2015 IMPRESA ALPI ASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN MILANO (GALLERIA DEL CORSO N.2– c.a.p. 20122) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 23/05/1994 - G.U. n.122 del 27/05/1994 Commissario liquidatore prof. avv. Andrea Gemma Comitato di sorveglianza avv. Andrea Grosso - presidente dott. Fosco Giglioli - componente dott.ssa Savina Richetti - componente Numero di telefono della liquidazione 02/87280131 Numero di telefax della liquidazione 02/87280131 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 11/10/1994 Tribunale Milano Stato del giudizio sentenza definitiva 55 Bollettino IVASS n. 9/2015 D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 19/09/2001 – Milano Esito giudizio di primo grado parte degli imputati hanno patteggiato e altri sono stati assolti Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI Data sentenza di primo grado nei confronti di altro amministratore e tribunale competente 06/05/2003 – Milano Esito giudizio di primo grado condanna a pena detentiva ed al risarcimento danni Stato del giudizio Il 19 novembre 2010 la Corte di Appello Sez. II penale ha confermato la condanna con una provvisionale immediatamente esecutiva di 75.000,00 Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Sono state avviate azioni nei confronti di due diverse gestioni aziendali 1^ azione Data sentenza di primo grado e tribunale competente 15/06/1998 – Milano Esito del giudizio di primo grado domanda rigettata Stato del giudizio con sentenza del 9/05/2004 la Corte di Appello ha parzialmente accolto le richieste della liquidazione con condanna al risarcimento danni di ex amministratori e sindaci. I ricorsi per Cassazione sono stati rigettati. 2^ azione Data sentenza di primo grado e tribunale competente 12/01/2005 – Milano Esito del giudizio di primo grado condanna di ex amministratori e sindaci al risarcimento del danno subito dalla liquidazione Stato del giudizio con sentenza del 3/03/2008 la Corte di Appello ha condannato ex amministratori e sindaci al risarcimento danni. Sentenza definitiva. Con sentenza del 27 maggio 2013 il Tribunale di Bologna ha condannato la compagnia di assicurazione di uno dei sindaci, deceduto, a versare il massimale di polizza in favore dell’eredità giacente. La Corte d’Appello ha sospeso l’esecutività della suddetta sentenza. Il giudizio di merito è stato rinviato al 1° ottobre 2019. 56 Imprese in l.c.a. F: Deposito stato passivo Data deposito 25/07/2007 Tribunale competente Milano G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 853.277 100 privilegio generale - professionisti 3.822.086 100 privilegio generale – agenti 98.291 100 Erario 6.675 100 Totale 4.780.329 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 391 560,71 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 8.112.678,48 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0,00 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 2.711.175,46 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 100,00 Totale attivo € 11.215.514,65 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 2.026 Importo: € 165.548.424,00 Posizioni ammesse con riserva o condizione Numero: 7 Importo: 46.610 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 57 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA AMBRA ASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN MILANO (Via Volturno, 44 – c.a.p. 20124) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 09/04/1993 - G.U. n. 86 del 14/04/1993 Commissario liquidatore dott. Claudio Ferrario Comitato di sorveglianza dott. Enrico Panzacchi – presidente avv. Andrea Grosso - componente sig. Sergio Tasselli – componente Numero di telefono della liquidazione 02/69471 Numero di telefax della liquidazione 02/6947300 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. E-mail PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 18/05/1993 Tribunale Milano Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 15/04/2005 – Milano Esito giudizio di primo grado condanna di ex amministratori e sindaci a pene detentive ed al risarcimento danni Stato del giudizio con sentenza n. 17690/2010 la Corte di Cassazione ha parzialmente modificato le pene detentive inflitte ad amministratori e sindaci Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente Milano 58 Imprese in l.c.a. Stato del giudizio sospeso dal Tribunale nel 1997 per la pendenza dell’azione penale nei confronti di alcuni soggetti e dichiarato estinto nei confronti di altri per il trasferimento dell’azione civile in sede penale. Sono intervenute transazioni. A seguito della sentenza n. 17690/2010 della Corte di Cassazione che ha definito il giudizio penale nei confronti degli ex esponenti aziendali, è stata incardinata la causa nei confronti dei medesimi in sede civile per ottenere il risarcimento del danno subito dalla liquidazione. Il procedimento risarcitorio è stato chiuso con sentenza n. 8217/2015, alcuni esponenti aziendali sono stati condannati al pagamento di risarcimento in favore della liquidazione. F: Deposito stato passivo Data deposito 31/01/1995 Tribunale competente Milano G: Acconti corrisposti ai creditori Vedi punto seguente H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito 24/07/2003 Categoria creditori Importo in euro (al lordo acconti autorizzati) % rispetto agli importi ammessi al passivo creditori pignoratizi 451.893 98 privilegio generale - dipendenti 1.380.011 100 privilegio generale - professionisti 2.535.274 83 privilegio generale - agenti 643.366 98 privilegio generale - artigiani 7.845 83 privilegio generale - prev. sociale 147.584 100 crediti erariali 15.327 90 crediti del locatore ex art. 2764 c.c. 8.907 96 creditori di assicurazione - rami danni 15.401.806 14 chirografo 590.722 8 Totale 21.182.735 59 Bollettino IVASS n. 9/2015 I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 5.591.567 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 886.047 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 7.680 Totale attivo € 6.485.294 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 1.770 Importo: € 117.604.471 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni, insinuazioni tardive in corso e riserva condizionale Numero: 2 Importo: € 906.544 60 Imprese in l.c.a. IMPRESA APAL S.M.A. SEDE IN ROMA (Piazza Cola di Rienzo, 69 – c.a.p. 00192) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 04/03/1980 - G.U. n. 67 del 08/03/1980 Commissario liquidatore rag. Luigi Andreoli Comitato di sorveglianza avv. Filippo Pegorari – presidente dott. Alessandro Nardi – componente sig. Mario Pizzicannella – componente Numero di telefono della liquidazione 06/3215819 Numero di telefax della liquidazione 06/3215819 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria UnipolSai Assicurazioni s.p.a. C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 23/01/1980 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 24/10/1991 – Roma Esito giudizio di primo grado condanna di amministratori a pene detentive Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI Data sentenza primo grado nei confronti di altri amministratori e sindaci e tribunale competente 27/10/1992 – Roma Esito giudizio di primo grado condanna di amministratori e sindaci, per altri i reati sono stati dichiarati estinti per intervenuta prescrizione o è stato dichiarato il non luogo a procedere Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile da parte della liquidazione SI 61 Bollettino IVASS n. 9/2015 E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 05/06 – 15/11/2002 – Roma Esito giudizio di primo grado sentenza non definitiva, rigetto delle eccezioni dei convenuti e dichiarazione di prosecuzione del giudizio Stato del giudizio giudizio non coltivato F: Deposito stato passivo Data deposito 08/11/1988 Tribunale competente Roma G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 63.329 10 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 460.668 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 536.000 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 137.204 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 8.596 Totale attivo € 1.142.468 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 1.350 Importo: € 39.972.996 62 Imprese in l.c.a. IMPRESA APTA IMMOBILIARE S.p.A. SEDE IN MILANO (Viale Nazario Sauro 14 - c.a.p. 20124) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 27/06/2012 – G.U. n. 163 del 14/07/2012 Commissario liquidatore prof. Angelo Cremonese Comitato di sorveglianza avv. prof. Giulio Ponzanelli – presidente; avv. Andrea Grosso – componente; dott. Marco Lagomarsino – componente Numero di telefono della liquidazione 02.6887357 Numero di telefax della liquidazione 02.69901389 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Trattasi di società non assicurativa C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 30/05/2012 Tribunale Milano Stato del giudizio Sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Non avviato E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non attivata F: Deposito stato passivo Data deposito 07/11/2014 Tribunale competente Milano 63 Bollettino IVASS n. 9/2015 G: Acconti corrisposti ai creditori NO H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 274 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 2.510.335 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 21.386 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 2.531.995 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 15 Importo: € 2.831.605 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni, insinuazioni tardive in corso e riserva condizionale Numero: 0 Importo: 0 64 Imprese in l.c.a. IMPRESA ARFIN COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI E RIASSICURAZIONI S.p.A. SEDE IN MILANO (Viale Nazario Sauro 14 - c.a.p. 20124) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 06/12/2010 – G.U. n. 291 del 14/12/2010 Commissario liquidatore prof. Angelo Cremonese Comitato di sorveglianza avv. prof. Giulio Ponzanelli – presidente; avv. Andrea Grosso – componente; dott. Marco Lagomarsino – componente Numero di telefono della liquidazione 02/6887357 Numero di telefax della liquidazione 02/69901389 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Non autorizzata al ramo r.c.auto C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 03/05/2012 Tribunale Milano Stato del giudizio Sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 16/11/12 – Milano Esito giudizio di primo grado Assoluzione degli imputati Stato del giudizio Il giudizio di appello ha confermato l’assoluzione degli ex esponenti aziendali Costituzione di parte civile della liquidazione SI 65 Bollettino IVASS n. 9/2015 E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non attivata F: Deposito stato passivo Data deposito 11/11/2014 Tribunale competente Milano G: Acconti corrisposti ai creditori NO H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 3.957.606 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 4.746.678 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 4.770.568 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 13.474.852 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 4.896 Importo: € 19.072.314 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni, insinuazioni tardive in corso e riserva condizionale Numero: 13 Importo: 5.025.064 66 Imprese in l.c.a. IMPRESA ARFIN SOLUTIONS S.r.l. SEDE IN MILANO (Viale Nazario Sauro 14 - c.a.p. 20124) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 27/06/2012 – G.U. n. 163 del 14/07/2012 Commissario liquidatore prof. Angelo Cremonese Comitato di sorveglianza avv. prof. Giulio Ponzanelli – presidente; avv. Andrea Grosso – componente; dott. Marco Lagomarsino – componente Numero di telefono della liquidazione 02/6887357 Numero di telefax della liquidazione 02/69901389 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Trattasi di società non assicurativa C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 26/03/2012 Tribunale Milano Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Non avviato E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non attivata F: Deposito stato passivo Data deposito 07/11/2014 Tribunale competente Milano 67 Bollettino IVASS n. 9/2015 G: Acconti corrisposti ai creditori NO H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 3.030 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 95.770 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 98.800 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 23 Importo: € 960.595 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni, insinuazioni tardive in corso e riserva condizionale Numero: 0 Importo: 0 68 Imprese in l.c.a. IMPRESA ASSID - ASSICURATRICE ITALIANA DANNI S.P.A. (GIA’ SOCIETA’ NUOVA ASSICURATRICE S.P.A.) SEDE IN MILANO (Viale Gian Galeazzo, 3 - c.a.p. 20121) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 12/03/1998 - G.U. n. 64 del 18/03/1998 Commissario liquidatore avv. prof. Raffaele Lener Comitato di sorveglianza prof. avv. Bruno Inzitari - presidente dott. Francesco Ferrucci - componente sig. Giuseppe Orsini - componente Numero di telefono della liquidazione 02/6931991 Numero di telefax della liquidazione 02/66802121 E-mail-PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 21/06/2001 Tribunale Milano Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 06/03/2013- Milano Stato del giudizio Pende appello E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali e/o della società di revisione Stato del giudizio sentenza di primo grado depositata il 19 luglio 2011 con condanna al risarcimento per 2 milioni di euro - per alcuni esponenti e per la società di revisione vi è stata una definizione in via transattiva- pende ricorso in Cassazione F: Deposito stato passivo Data deposito 27/09/2006 Tribunale competente Milano 69 Bollettino IVASS n. 9/2015 G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 477.678 100 H: Deposito piani di riparto parziale SI 15/01/2010 Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - professionisti 2.046.670 81,73 privilegio generale - agenti 301.831 81,73 creditori di assicurazione 8.759.405 10,25 Totale 11.107.906 I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 7.610.000 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 2.759.000 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 3.318.000 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 87.000 Totale attivo € 13.774.000 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 37.059 Importo: € 110.348.000 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 4 Importo: € 80.000 70 Imprese in l.c.a. IMPRESA CENTRALE COMPAGNIA DI ASSICURAZIONE SEDE IN ROMA (Piazza Cola Di Rienzo, 69 - c.a.p. 00192) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.P.R. 11/08/1976 - G.U. n. 229 del 30/08/1976 Commissario liquidatore avv. Riccardo Castellani Comitato di sorveglianza avv. Carlo Alessi - presidente dott. Paolo Cantamaglia - componente avv. Fulvio Baldacci – componente Numero di telefono della liquidazione 06/3200851 Numero di telefax della liquidazione 06/3200851 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Imprese designate C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 02/08/1976 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 16/01/1984 – Roma Esito giudizio di primo grado condanna nei confronti di alcuni esponenti aziendali Stato del giudizio sentenza definitiva; la Corte di Cassazione ha applicato l’amnistia Costituzione di parte civile della liquidazione SI 71 Bollettino IVASS n. 9/2015 E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 24/10/1986 – Roma Esito del giudizio di primo grado condanna al risarcimento del danno per tutti gli amministratori Stato del giudizio La Corte di Cassazione, con sentenza n. 3032/2005, ha confermato la pronuncia della Corte di Appello in ordine alla responsabilità di tutti i componenti del consiglio di amministrazione e dei sindaci, cassando la sentenza con rinvio ad altra Corte per la quantificazione dei danni. Giudizio di rinvio definito con conciliazione giudiziale nel corso del 2010. E’ in corso la cessione dei beni dell’eredità giacente di un ex amministratore F: Deposito stato passivo Data deposito 21/07/1988 Tribunale competente Roma G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 553.061 100 privilegio generale - professionisti 312.683 100 privilegio generale - agenti 173.587 100 privilegio speciale - altri crediti 490.570 100 creditori di assicurazione – rami danni 878.743 15 Totale 2.408.644 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 1.460.556 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 774 Totale attivo € 1.471.330 72 Imprese in l.c.a. L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 11.955 Importo: 11.353.350 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 73 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA COLUMBIA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI E RIASSICURAZIONI SEDE IN ROMA (Piazza Cola Di Rienzo, 69 - c.a.p. 00192) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.P.R. 11/08/1976 - G.U. 229 del 30/08/1976 Commissario liquidatore avv. Riccardo Castellani Comitato di sorveglianza avv. Carlo Alessi – presidente dott. Paolo Cantamaglia - componente avv. Fulvio Baldacci – componente Numero di telefono della liquidazione 06/3200851 Numero di telefax della liquidazione 06/3200851 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Imprese designate C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 2/08/1976 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 16/01/1984 - Roma Esito giudizio di primo grado condanna nei confronti di alcuni esponenti aziendali Stato del giudizio sentenza definitiva - la Corte di Cassazione ha applicato l’amnistia Costituzione di parte civile della liquidazione SI 74 Imprese in l.c.a. E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 24/10/1986 – Roma Esito del giudizio di primo grado condanna al risarcimento del danno per tutti gli amministratori Stato del giudizio La Corte di Cassazione, con sentenza 2538/2005, ha confermato la pronuncia della Corte di Appello in ordine alla responsabilità di tutti i componenti del consiglio di amministrazione e dei sindaci, cassando la sentenza con rinvio ad altra Corte per la quantificazione dei danni. Il giudizio di rinvio definito con conciliazione giudiziale nel corso del 2010. E’ in corso la cessione dei beni dell’eredità giacente di un ex amministratore. F: Deposito stato passivo Data deposito 21/07/1988 Tribunale competente Roma G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 808.440 100 privilegio generale - professionisti 664.440 100 privilegio generale - agenti 291.891 100 privilegio speciale - altri crediti 944.895 100 creditori di assicurazione – rami danni 1.388.751 20 Totale 4.098.417 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 5.378.389 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 361 Totale attivo € 5.378.750 75 Bollettino IVASS n. 9/2015 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 16.802 Importo: € 19.199.753 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 76 Imprese in l.c.a. IMPRESA COMAR ASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN GENOVA (Via XX Settembre 12/7 – c.a.p. 16121) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 2/08/1990 – G.U. n. 183 del 7/08/1990 Commissario liquidatore dott.ssa Elisabetta Vassallo Comitato di sorveglianza dott. Marco Lagomarsino - presidente prof. Michele Siri - componente avv. Ernesto Lavatelli – componente Numero di telefono della liquidazione 010/561644 Numero di telefax della liquidazione 010/5702778 E-mail B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 29/9 – 2/10/90 Tribunale Genova Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 29/01/2003 - Genova Esito giudizio di primo grado assoluzione perché il fatto non sussiste o perché il fatto non costituisce reato. Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Intervenuta transazione 77 Bollettino IVASS n. 9/2015 F: Deposito stato passivo Data deposito 18/03/2003 Tribunale competente Genova G: Acconti corrisposti ai creditori Vedi punto seguente H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito 28/09/2005, 16/03/2009 e 10/03/2015 Categoria creditori Importo in euro (al lordo acconti autorizzati) % rispetto agli importi ammessi al passivo prededuzione 80.773 100 privilegio generale - dipendenti 943.765 100 privilegio generale - professionisti 585.499 100 privilegio generale - agenti 109.312 100 privilegio generale - tributi e imposte 405.401 100 crediti del locatore 40.261 100 creditori di assicurazione 16.819.817 49,93 creditori chirografari 853.381 32 Totale 19.838.209 I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 5.601.000 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 1.157.000 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 6.758.000 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 6.590 Importo: € 48.434.000 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 78 Imprese in l.c.a. IMPRESA COMPAGNIA DI FIRENZE S.P.A. CON SEDE IN FIRENZE (Piazza della Indipendenza, 13 - c.a.p. 50129) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 9/12/1981 - G.U. n. 337 del 9/12/1981 Commissario liquidatore dott. Gabriele Caprioli Comitato di sorveglianza avv. Paolo Malesci - presidente dott. Fabio Capelli -componente avv. prof. Lorenzo Stanghellini Numero di telefono della liquidazione 055/471926 Numero di telefax della liquidazione 055/471926 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria Aviva Assicurazioni s.p.a. C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 28/12/1982 Tribunale Firenze Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data della sentenza di primo grado e Tribunale competente 8/02/1996 e 3/03/1992 – Firenze Esito del giudizio di primo grado sentenza di condanna con patteggiamento per alcuni esponenti aziendali e sentenza di condanna per altri esponenti aziendali confermata in appello Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data della sentenza di primo grado e Tribunale competente 28/07/2004 e 27/09/2007 – Firenze Esito del giudizio di primo grado sentenza di condanna Stato del giudizio sentenza definitiva, salvo per un amministratore per cui pende ricorso in Cassazione 79 Bollettino IVASS n. 9/2015 F: Deposito stato passivo Data deposito 14/10/1989 Tribunale competente Firenze G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 1.022.710 100 privilegio generale - professionisti 1.159.786 100 Privilegio generale - agenti 750.269 100 Privilegio generale- altri creditori 33.138 100 Totale 2.965.903 H: Deposito piani di riparto parziale SI 28/11/2013 Categoria creditori Importo in euro % dei beni oggetto di privilegio o ipoteca realizzata creditori privilegiati ed ipotecari 8.393.445 100 Totale 8.393.445 I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca al lordo degli accantonamenti per il piano di riparto parziale € 8.924.259 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 239.000 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Altre attività ancora da realizzare € 1.100.000 Totale attivo € 10.263.259 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 2.429 Importo: € 37.319.921 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 80 Imprese in l.c.a. IMPRESA COMPAGNIA EUROPEA DI PREVIDENZA S.P.A. DI ASSICURAZIONE E RIASSICURAZIONE CON SEDE IN ROMA (Via Marcello Malpighi, 9 - c.a.p. 00161) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 15/10/1985 - G.U. n. 248 del 21/10/1985 Commissario liquidatore avv. Marcello Condemi Comitato di sorveglianza avv. Sergio Russo - presidente avv. Pietro Troianello- componente avv. Vincenzo Dispinseri - componente Numero di telefono della liquidazione 06/4403938 Numero di telefax della liquidazione 06/4403937 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria Tua Assicurazioni già Duomo UniOne S.p.A. C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 12/07/1986 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 18/10/1993 - Roma Esito giudizio di primo grado sentenza di condanna per il reato di bancarotta fraudolenta Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 29/10/2001 - 21/01/2002 – Roma Esito del giudizio La Corte di Appello di Roma ha condannato un ex amministratore, dichiarato la prescrizione invocata da alcuni convenuti e rigettato la domanda nei confronti di altri. Stato del giudizio Definitivo 81 Bollettino IVASS n. 9/2015 F: Deposito stato passivo Data deposito 22/07/1997 Tribunale competente Roma G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 632.719 100 privilegio generale- lavoratori autonomi 416.482 100 Privilegio generale - agenti 47.942 100 Privilegio generale- erario 2.254 100 Totale 1.099.397 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 12.171.935 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 8.667 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 2.817.806 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 1.849.317 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 27.889 Totale attivo € 16.875.614 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 1.555 Importo: € 35.216.255 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 3 Importo: € 1.300.897 82 Imprese in l.c.a. IMPRESA COMPAGNIA ITALIANA DI ASS.NI COMITAS S.P.A. SEDE IN GENOVA (Via Fieschi, 8/12 – c.a.p. 16121) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 31/07/1992 – G.U. n. 133 del 5/08/1992 Commissario liquidatore prof. Giampaolo Provaggi Comitato di sorveglianza avv. Carlo Alessi – presidente avv. Stefano Arcifa - componente dott. Marco Lagomarsino – componente Numero di telefono della liquidazione 010/5451499 Numero di telefax della liquidazione 010/5451934 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 06/08/1992 Tribunale Genova Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 22/06/2001 – Genova Esito giudizio di primo grado condanna di ex amministratori a pene detentive, al risarcimento danni ed al pagamento di una provvisionale di € 258.228 (incassata dalla procedura) Stato del giudizio patteggiamento di tutti gli imputati in appello. Annullamento di una condanna per irregolarità della estradizione. Conferma delle statuizioni civili Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Stato giudizio in corso 83 Bollettino IVASS n. 9/2015 F: Deposito stato passivo Data deposito 18/01/2006 Tribunale competente Genova G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo prededuzione 74.615 30 privilegio generale - dipendenti 1.458.392 100 privilegio generale - professionisti 1.721.479 100 privilegio generale - agenti 689.907 100 Totale 3.944.393 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 7.624.000 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 5.657.000 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 3.580.000 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 10.889.000 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 218.000 Totale attivo € 27.968.000 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 41.732 Importo € 114.063.000. Posizioni ammesse a riserva o condizione Numero: 3 Importo € 4.000 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 3 Importo € 664.000 84 Imprese in l.c.a. IMPRESA COMPAGNIA MERIDIONALE DI ASSICURAZIONI E RIASSICURAZIONI SEDE IN NAPOLI (Piazza Matteotti, 7 – c.a.p. 80133) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 6/11/1981 - G.U. n. 309 del 10/11/1981 Commissario liquidatore avv. Chiara Silvestri Comitato di sorveglianza Dott.ssa Concetta Ferrara - presidente Dott.ssa Simonetta Di Simone - componente Dott.ssa Paola Maddalena – componente Numero di telefono della liquidazione 081/5519210 Numero di telefax della liquidazione 081/5523415 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria UNIPOL SAI S.p.A. C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 28-30/10/1981 – Napoli Tribunale Napoli Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 03/07/1995 – Napoli Esito giudizio di primo grado Procedimento dichiarato estinto per morte degli imputati Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 23/10/2001 Esito del giudizio Dichiarato estinto per prescrizione il diritto al risarcimento del danno Stato del giudizio La Corte di Appello di Napoli sentenza n. 797/2005 del 18 febbraio 2005 ha condannato gli eredi dell’amministratore delegato al risarcimento dei danni “intra vira hereditatis” e ha rigettato la domanda proposta nei confronti degli altri convenuti 85 Bollettino IVASS n. 9/2015 F: Deposito stato passivo Data deposito 22/12/1986 Tribunale competente Napoli G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 634.654 100 privilegio generale - professionisti 549.301 100 privilegio generale - agenti 51.988 100 crediti ipotecari 32.848 100 Totale 1.268.791 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 10.418.088 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 62.843 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 10.480.931 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 8.069 Importo: € 22.932.736 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 86 Imprese in l.c.a. IMPRESA COMPAGNIA TIRRENA DI ASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN ROMA (Via Massimi, 158 – c.a.p. 00136) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione 31/05/1993 - G.U. n. 126 del 1/06/1993 Commissario liquidatore avv. Alessandro Leproux Comitato di sorveglianza dott. Salvatore D’Amico– presidente avv. Vincenzo Dispinseri- componente avv. Piero Cesarei - componente Numero di telefono della liquidazione 06/30183234 Numero per informazioni creditori 0630183255 Numero di telefax della liquidazione 06/35420169 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore e Imprese designate C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 22/06/1994 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 20/12/1999 - Roma Esito giudizio di primo grado dichiarazione non luogo a procedere Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione NO E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali e della società di revisione Data sentenza primo grado e tribunale competente 20/01/2010- Roma Esito del giudizio di primo grado sentenza di condanna degli ex amministratori al risarcimento del danno quantificato in euro 193.594.159 Stato del giudizio pendono appelli 87 Bollettino IVASS n. 9/2015 F: Deposito stato passivo Data deposito 22/02/2001 Tribunale competente Roma G: Acconti corrisposti ai creditori Vedi punto seguente H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito primo piano di riparto 12/5/2005 Data deposito secondo piano di riparto 19/04/2010 Categoria creditori Importo in euro (comprensivo primo e secondo piano di riparto ed al lordo acconti autorizzati) % rispetto agli importi ammessi al passivo prededuzione 3.020.486 100 crediti assistiti da privilegio generale - crediti lavoro- previdenza sociale 56.617.351 100 privilegio speciale rami danni 167.917.878 40 privilegio speciale rami danni accertati successivamente al 31/12/2004 con collocazione chirografaria per mancata capienza privilegio speciale 7.838.897 15 creditori di assicurazione – ramo vita 6.419.798 100 privilegio speciale senza individuazione beni 4.404.246 25 creditori di assicurazione – quota degradata in chirografo 63.599.700 25 chirografo 29.562.845 25 acconti erogati rientrati 2.125.076 - Totale 341.506.277 I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca (compresi accantonamenti primo e secondo piano di riparto) € 55.818.000 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 301.000 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 59.878.000 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 175.593.000 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 4.442.000 Totale attivo € 296.032.000 88 Imprese in l.c.a. L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 32.306 Importo: € 817.934.000 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 69 Importo: € 196.948.000 89 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA COSIDA S.P.A. SEDE IN NAPOLI (Via Posillipo, 390 – c.a.p. 80123) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.P.R. 17/11/1978 - G.U. n. 328 del 23/11/1978 Commissario liquidatore avv. prof. Fiorenzo Liguori Comitato di sorveglianza avv. Luigi Pappalardo – presidente dott. Paolo Vasquez - componente dott. Francesco Cilento – componente Numero di telefono della liquidazione 081/5751171 Numero di telefax della liquidazione 081/5751555 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria UnipolSai s.p.a. C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 10-11/01/1979 Tribunale Napoli Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 20/10/1986 – Napoli Esito giudizio di primo grado condanna di ex amministratori e sindaci Stato del giudizio con sentenze della Corte d’Appello di Napoli e della Cassazione sono state parzialmente riformate le condanne; sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI - liquidata a favore della procedura una provvisionale di euro 206.582,76 E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non avviata F: Deposito stato passivo Data deposito 30/09/1986 Tribunale competente Napoli 90 Imprese in l.c.a. G: Acconti corrisposti ai creditori Vedi punto seguente H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito 25/10/2012 Categoria creditori Importo in euro (al lordo acconti autorizzati) % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 1.619.358 100 privilegio generale - professionisti 929.536 79,48 privilegio generale - agenti 288.948 72,67 privilegio generale - prev. sociale 2.024.826 100 privilegio generale – crediti erariali 1.825.761 100 privilegio generale – imposta sulle assicurazioni 485.795 24,70 mutui ipotecari 2.221.945 100 creditori di assicurazione 9.579.483 34,26 creditori diversi 53.085 13,88 Totale 19.028.737 I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 7.556.826 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 3.160.000 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 30.645 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 78.773 Totale attivo € 10.826.244 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 7.629 Importo: € 44.475.601 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 1 Importo: € 197.070 91 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA D’EASS ASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN PALERMO (Via Ugo La Malfa, 44 – c.a.p. 90146) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 26/04/1995 - G.U. n. 100 del 02/05/1995 Commissario liquidatore dott. Giuseppe Glorioso Comitato di sorveglianza avv. Carlo Alessi – presidente dott. Fabrizio Dioguardi – componente dott. Andrea Dara – componente Numero di telefono della liquidazione 091/6889900 – 091/6889901 Numero di telefax della liquidazione 091/6882774 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 25-26/10/1995 Tribunale Palermo Stato del giudizio con sentenza del 18/07/1997 il Tribunale di Palermo ha rigettato l’opposizione proposta. Sentenza definitiva 92 Imprese in l.c.a. D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 09/07/2002 – Palermo Esito giudizio di primo grado condanna di ex amministratori a pene detentive ed al risarcimento danni da quantificarsi con separato giudizio Stato del giudizio con sentenza del 09/01/2006 la Corte d’Appello di Palermo ha parzialmente riformato la sentenza di primo grado in merito alle pene detentive per un ex amministratore e confermato nel resto la sentenza appellata. Con sentenza del 23/04/2007 la Corte di Cassazione ha rigettato i ricorsi proposti dagli ex amministratori, ha annullato in parte la sentenza impugnata nei confronti di un terzo e rinviato ad altra sezione della Corte d’Appello di Palermo per nuovo esame (sentenza definitiva per esponenti aziendali). La Corte d’Appello con sentenza del 10/06/2008 ha confermato la sentenza di primo grado del 09/07/2002. Sentenza definitiva. Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali e/o società di revisione Data della sentenza e tribunale competente 11/06/2004 e 13/09/2004 – Palermo Esito giudizio di primo grado estinzione nei confronti di un ex amministratore, degli ex sindaci e della società di revisione per intervenuta transazione e condanna di altri ex amministratori al risarcimento del danno da quantificarsi nella successiva fase del giudizio. Non coltivato. Stato del giudizio sentenza definitiva F: Deposito stato passivo Data deposito 28/06/2000 Tribunale competente Palermo 93 Bollettino IVASS n. 9/2015 G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 214.457 100 privilegio generale - avvocati 818.149 100 privilegio generale – medici, consulenti 32.578 100 privilegio generale – periti 72.815 100 privilegio generale - agenti 241.861 100 privilegio generale – artigiani 763 100 privilegio speciale – crediti per contributi ass. obbl. per IVS 457 100 privilegio speciale – crediti per contributi ass. obbl. diversi IVS 206 100 privilegio ex art. 2752 c.c. – crediti enti locali per tributi diretti 14.038 2,506 privilegio speciale – Consap per sx RCA 676.017 2,506 privilegio speciale – per sx in coassicurazione o CID 5.125 2,506 privilegio speciale – UCI per sx RCA esteri 11.733 2,506 privilegio speciale – per sx non soggetti all’obbligo 49.839 2,506 privilegio speciale – Compagnie designate per sx RCA 887.898 2,506 privilegio speciale – per rimborso ratei premio non goduto 279 2,506 Totale 3.026.215 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 10 .433.352 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 1.250.000 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 4.346.214 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 116.273 Totale attivo € 16.145.841 94 Imprese in l.c.a. L: Stato Passivo Posizioni ammesse Numero: 2.136 Importo: € 115.754.000 comprensivo di importo riservato pari a € 33.757.000 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 7 Importo: € 2.546.000 95 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA DELTA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI E RIASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN ROMA (Via Giacomo Barzellotti, 8 – c.a.p. 00136) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 27/03/1993 - G.U. n. 77 del 02/04/1993 Commissario liquidatore avv. Olivia Mandolesi Comitato di sorveglianza prof. avv. Michele Giuseppe Vietti presidente dott. Luigi Braito - componente avv. Luca de Rosa - componente Numero di telefono della liquidazione 06/64011976 - 3293908753 Numero di telefax della liquidazione 06/64011976 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Non autorizzata al ramo r.c.auto C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 24/02/1994 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 18/12/08 Roma Esito giudizio di primo grado condanna di ex amministratore Stato del giudizio Appello: con sentenza del 17/05/11 è stata ridotta la pena; la Cassazione con sentenza del 17/01/2013 ha rigettato i ricorsi di due ex amministratori ed ha disposto la trasmissione degli atti alla Procura nei confronti di un altro ex amministratore Costituzione di parte civile della liquidazione SI 96 Imprese in l.c.a. E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 16/09/2004 Roma Esito del giudizio di primo grado condanna di ex amministratori e sindaci Stato del giudizio pendente ricordo in Cassazione F: Deposito stato passivo Data deposito 11/12/2002 Tribunale competente Roma G: Acconti corrisposti ai creditori Vedi punto seguente H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito 08/07/2008 categoria creditori Importo in euro (al lordo acconti autorizzati) % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 151.765 100 privilegio generale - professionisti 1.038.976 100 privilegio generale – agenti 28.607 100 privilegio generale - prev. sociale 25.046 100 privilegio generale - erario 25.225 100 privilegio generale - coassicuratori 44.046 100 privilegio generale – creditori diversi 105 100 creditori di assicurazione (compresa la parte in chirografo) 2.568.213 27,55 privilegio e 16,47 chirografo chirografo 143.933 16,47 Totale 4.025.916 97 Bollettino IVASS n. 9/2015 I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 13.944.599 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 1.373.775 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 137.076 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 62.396 Totale attivo € 15.517.846 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 309 Importo: € 17.865.422 Posizioni ammesse con riserva Numero: 9 Importo: € 8.256.268 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 2 Importo: € 1.717.607 98 Imprese in l.c.a. IMPRESA ETRUSCA S.P.A. SEDE IN ROMA (Via Marcello Malpighi, 9 - c.a.p. 00161) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 15/10/1985 - G.U. n. 248 del 21/10/1985 Commissario liquidatore avv. Marcello Condemi Comitato di sorveglianza avv. Sergio Russo - presidente avv. Pietro Troianello - componente avv. Vincenzo Dispinseri - componente Numero di telefono della liquidazione 06/4403938 Numero di telefax della liquidazione 06/4403937 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria Tua Assicurazioni già Duomo UniOne S.p.A. C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 12/07/1986 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 18/10/1993 - Roma Esito giudizio di primo grado sentenza di condanna per il reato di bancarotta fraudolenta Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI 99 Bollettino IVASS n. 9/2015 E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 20/04/2000 – Roma Esito del giudizio di primo grado condanna al risarcimento dei danni Stato del giudizio sentenza definitiva - la Corte di Appello ha dichiarato la prescrizione dell’azione e la sentenza è stata confermata in Cassazione F: Deposito stato passivo Data deposito 25/03/1994 Tribunale competente Roma G: Acconti corrisposti ai creditori Vedi punto seguente H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito 18/12/2007 Categoria creditori Importo in euro (al lordo acconti autorizzati) % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 217.096 100 privilegio generale - professionisti 215.407 100 privilegio generale - agenti 169.598 100 privilegio generale – previdenza sociale 31.282 100 massa assicurati in privilegio speciale e chirografo 8.829.008 49,82 altri creditori privilegio generale e/o prededuzione- erario 599.655 100 Totale 10.062.046 100 Imprese in l.c.a. I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 4.994.887 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 4.666 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 576.372 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 8.780 Totale attivo € 5.584.705 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 1.257 Importo: € 21.993.903 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 4 Importo: € 368.962 101 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA EURO LLOYD DI ASSICURAZIONE S.p.A. CON SEDE IN NAPOLI (Piazza Matteotti, 7 – c.a.p. 80133) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 27/07/1982 - G.U. n. 208 del 30/07/1982 Commissario liquidatore avv. prof. Nicola Rocco di Torrepadula Comitato di sorveglianza Dott.ssa Concetta Ferrara - presidente Dott.ssa Simonetta Di Simone - componente Dott.ssa Paola Maddalena- componente Numero di telefono della liquidazione 081/5519210 Numero di telefax della liquidazione 081/5523415 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria UNIPOL SAI S.p.A. C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 8/12/1983 Tribunale Napoli Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 7/07/1997 – Napoli Esito giudizio di primo grado sentenza di condanna Stato del giudizio la Corte di Cassazione con sentenza del 9/6/2003 ha dichiarato l’inammissibilità del ricorso proposto contro la sentenza della Corte di Appello Costituzione di parte civile della liquidazione SI 102 Imprese in l.c.a. E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 22/11/2005 – Napoli Esito del giudizio di primo grado dichiarata inammissibile la domanda proposta contro taluni amministratori e condanna di altri al risarcimento dei danni Stato del giudizio la Corte di Appello con sentenza n. 2151/2014, accogliendo gli appelli proposti da 3 amministratori dichiarati soccombenti con la sentenza di primo grado, ha rigettato la domanda di risarcimento proposta dalla liquidazione F: Deposito stato passivo Data deposito 27/10/1986 Tribunale competente Napoli G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 102.187 100 Privilegio generale – professionisti 171.709 100 Privilegio generale agenti 14.158 100 Totale 288.054 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 3.380.308 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 3.380.308 103 Bollettino IVASS n. 9/2015 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 9.356 Importo: € 21.261.874 104 Imprese in l.c.a. IMPRESA FARO COMPAGNIA DI ASSICURAZIONE E RIASSICURAZIONE S.p.A. CON SEDE IN GENOVA (Piazza Piccapietra 73/1 – c.a.p. 16121) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 28/07/2011 - G.U. n. 185 del 10/08/2011 Commissario liquidatore avv. Andrea Grosso Comitato di sorveglianza dott. Gianluca Savino – presidente avv. Arturo Flick - componente prof. avv. Paolo Giudici – componente Numero di telefono della liquidazione 010/8595001 Numero di telefax della liquidazione 010/8595005 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto NO C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 23/05/2012 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva 105 Bollettino IVASS n. 9/2015 D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente sentenza n. 2494/2014 Roma Stato del giudizio condanna con giudizio abbreviato dell’ex amministratore delegato; pendente appello innanzi a Corte d’Appello di Roma e a seguito di patteggiamento di un consigliere, rinvio a giudizio degli altri imputati Costituzione di parte civile della liquidazione SI Data sentenza primo grado e tribunale competente sentenza n. 1840/2014 Roma Stato del giudizio Condanna di un consigliere a seguito di patteggiamento; pendente ricorso in Cassazione Costituzione di parte civile della liquidazione SI Data sentenza primo grado e tribunale competente Stato del giudizio Pendente I grado avanti al Tribunale di Roma per rinvio a giudizio degli altri imputati Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non avviata F: Deposito stato passivo Data deposito 06/06/2014 Tribunale competente Genova G: Acconti corrisposti ai creditori NO H: Deposito piani di riparto parziale NO 106 Imprese in l.c.a. I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 82.189.000 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 142.194.000 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 31.267.000 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 113.000 Totale attivo € 255.763.000 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 10.906 Importo: € 80.424.000 Posizioni ammesse con riserva Numero: 30.014 Importo: € 991.786.000 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 179 Importo: € 400.892.000 107 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA FIRS ITALIANA DI ASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN ROMA (Via Adelmo Niccolai 24/26 – c.a.p. 00155) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 23/05/1994 – G.U. n. 122 del 27/05/1994 Commissario liquidatore avv. Riccardo Szemere Comitato di sorveglianza avv. Alessandro Fanfani - presidente avv. Piero Cesarei - componente avv. Pietro Troianiello – componente Numero di telefono della liquidazione 06/4090131 – 06/4067733 Numero di telefax della liquidazione 06/4061033 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 17/12/1994 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 05/10/2006 - Roma Esito giudizio di primo grado condanna di ex amministratori e sindaci a pene detentive ed al risarcimento dei danni in favore della liquidazione Stato del giudizio La Corte d’Appello con sentenza 9 febbraio 2010 ha dichiarato di non doversi procedere nei confronti di alcuni ex amministratori, confermando per il resto la sentenza di primo grado Costituzione di parte civile della liquidazione SI Data sentenza di primo grado nei confronti di altri amministratori e tribunale competente 06/06/2000 – Roma 108 Imprese in l.c.a. Esito del giudizio di primo grado condanna di ex amministratori con sospensione della pena detentiva (patteggiamento) Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI Data sentenza primo grado nei confronti di altro amministratore e tribunale competente 17/12/2004 - Roma Esito giudizio di primo grado condanna a pena detentiva, al risarcimento danni ed al pagamento di una provvisionale Stato del giudizio appello respinto - sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali e della società di revisione Data sentenza primo grado e tribunale competente 22/01/09 – Roma Esito del giudizio di primo grado condanna di ex amministratori al risarcimento danni, respinta la domanda per altri esponenti aziendali Stato del giudizio transatta posizione della società di revisione. Pende giudizio d’appello F: Deposito stato passivo Data deposito 22/01/2001 Tribunale competente Roma 109 Bollettino IVASS n. 9/2015 G: Acconti e riparti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo pegno e ipoteca 20.921 100 privilegio generale - dipendenti 2.879.170 100 privilegio generale - professionisti 14.444.911 100 privilegio generale - agenti 575.099 100 creditori di assicurazione ramo vita 5.037 18,72 creditori di assicurazione ramo danni 33.162.486 15 erario - prededuzione 274.132 100 creditori diversi - prededuzione 11.703 100 Totale 51.373.459 H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito I riparto parziale 05/08/2010 Data deposito II riparto parziale 02/02/2015 I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 46.898.806 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 26.447 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 4.603.000 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 50.475.849 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 237.299 Totale attivo € 102.242.214 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 4.811 Importo: € 361.896.087. Posizioni ammesse con riserva Numero: 4 Importo: € 888.577 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 26 Importo: € 6.417.092 110 Imprese in l.c.a. IMPRESA IL SOLE ASSICURAZIONI E RIASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN MILANO (Via Fabio Filzi, 8 – c.a.p. 20124) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 09/01/1998 - G.U. n. 10 del 14/01/1998 Commissario liquidatore prof. avv. Giulio Ponzanelli Comitato di sorveglianza dott. Claudio Ferrario - presidente avv. Pietro Maria Tantalo - componente avv. Andrea Grosso – componente Numero di telefono della liquidazione 02/67100494 Numero di telefax della liquidazione 02/66713800 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 11/10/2000 Tribunale Milano Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali NO E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 27/06-03/10/2002 – Milano Esito del giudizio di primo grado condanna di ex amministratori e sindaci Stato del giudizio con sentenza 17/05/2007 della Corte di Appello parziale riforma della sentenza di condanna; il ricorso in Cassazione è stato oggetto di rinuncia da parte di un ex esponente aziendale con il quale è sottoscritta una transazione che ha consentito l’incasso di € 350.000,00 oltre la tassa di registro 111 Bollettino IVASS n. 9/2015 F: Deposito stato passivo Data deposito 28/02/2002 Tribunale competente Milano G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 408.580 100 privilegio generale - professionisti 471.241 100 privilegio generale - agenti 156.981 100 crediti di assicurazione 23.534.631 90 Totale 24.571.433 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 575.323 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 1.085.068 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 1.183.849 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 2.844.240 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 2.061 Importo: € 33.474.308 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 112 Imprese in l.c.a. IMPRESA INTEREUROPEA DI ASS.NI E RIASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN ROMA (Via Marcello Malpighi, 9 - 00161) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 15/10/1985 - G.U. n. 248 del 21/10/1985 Commissario liquidatore avv. Marcello Condemi Comitato di sorveglianza avv. Sergio Russo - presidente avv. Pietro Troianello- componente avv. Vincenzo Dispinseri - componente Numero di telefono della liquidazione 06/4403938 Numero di telefax della liquidazione 06/4403937 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria Tua Assicurazione già Duomo Uni-One S.p.A. C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 12/07/1986 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 18/10/1993 - Roma Esito giudizio di primo grado sentenza di condanna per il reato di bancarotta fraudolenta Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI 113 Bollettino IVASS n. 9/2015 E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 23/1 - 4/03/2002 - Roma Esito del giudizio improcedibilità della domanda Stato del giudizio la Corte di Appello di Roma ha condannato un ex amministratore, dichiarato la prescrizione invocata da alcuni convenuti e rigettato la domanda per gli altri. F: Deposito stato passivo Data deposito 17/12/1999. Tribunale competente Roma G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo credito di lavoro dipendente 1.225.808 100 lavoro autonomo (compreso chirografo) 620.959 100 agenti 226.457 100 erario 94.667 100 previdenza sociale 13.944 100 massa assicurati (compreso chirografo) 23.941.025 70 chirografo 92.372 50 Totale 26.215.232 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 23.259.415 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 30.128 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 1.071.900 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 710.884 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 35.067 Totale attivo € 25.107.394 114 Imprese in l.c.a. L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 1.915 Importo: € 49.936.040 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 4 Importo: € 2.264.171 115 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA LA CONCORDIA SPA SEDE IN CERNUSCO SUL NAVIGLIO (MI) (Via Amendola,16 – c.a.p. 20063) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione - D.P.R. 31/03/1978 - G.U. n. 99 del 11/04/1978 Commissario liquidatore dott.ssa Elena Biffi Comitato di sorveglianza Toni Atrigna – presidente avv. Paolo Barbanti Silva – componente avv. Fabrizio Colonna - componente Numero di telefono della liquidazione 02/92103649 Numero di telefax della liquidazione 02/92103649 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 21-22/03/1978 Tribunale Milano Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 25/02/1988 – Milano Esito giudizio di primo grado condanna di amministratori e sindaci Stato del giudizio le sentenze della Corte d’Appello del 31/05/1989 e della Corte di Cassazione Sez. V del 22/11/1990 hanno riformato in parte la sentenza di primo grado Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non attivata 116 Imprese in l.c.a. F: Deposito stato passivo Data deposito 30/09/1986 Tribunale competente Milano G: Acconti corrisposti ai creditori Vedi punto seguente H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito 30/01/2013 Categoria creditori Importo in euro (al lordo acconti autorizzati) % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 520.000 100 privilegio generale - professionisti 403.879 100 privilegio generale - agenti 9.503 100 privilegio generale - imposte 21.000 100 Totale 954.382 I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 2.078.000 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 2.021.000 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 910.000 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 5.009.000 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 1.185 Importo: € 18.101.000 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 117 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA LA PENINSULARE S.P.A. SEDE IN MILANO (Via Visconti di Modrone, 36 – c.a.p. 20122) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 15/11/1983 – G.U. n. 318 del 19/11/1983 Commissario liquidatore avv. Patrizia Parenti Comitato di sorveglianza prof. dott. Antonio Costa - presidente prof.ssa Albina Candian - componente prof. avv. Giuseppe Conte – componente Numero di telefono della liquidazione 02/76020902 Numero di telefax della liquidazione 02/76021025 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria Ambra Assicurazioni s.p.a. in l.c.a. C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 22/05/1984 Tribunale Milano Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 08-25/03/1999 – Milano Esito giudizio di primo grado condanna di amministratori e sindaci; è stata riconosciuta una provvisionale di € 5.164.569 Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non attivata 118 Imprese in l.c.a. F: Deposito stato passivo Data deposito 11/11/1992 Tribunale competente Milano G: Acconti corrisposti ai creditori Vedi punto seguente H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito 10/10/2012 Categoria creditori Importo in euro (al lordo acconti autorizzati) % rispetto agli importi ammessi al passivo prededuzione 134.700 100 privilegio generale - dipendenti 584.759 100 privilegio generale - professionisti 359.999 50 privilegio generale - agenti 18.256 50 Totale 1.097.714 I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 868.000 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 976.000 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 1.844.000 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 2.058 Importo: € 37.563.000 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 2 Importo: € 21.659.140 119 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA LA POTENZA SOCIETA’ DI MUTUA ASSICURAZIONE SEDE IN ROMA (Via Massimi, 158 – c.a.p. 00136) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 27/07/1982 – G.U. n. 210 del 2/08/1982 Commissario liquidatore avv. Gregorio Iannotta Comitato di sorveglianza Avv. Nicola Simonelli – presidente Dott. Cosimo Damiano Totino – componente Dott. Franco Cocco - componente Numero di telefono della liquidazione 06/30183545 Numero di telefax della liquidazione 06/30183211 E-mail -pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria Unipol Sai S.p.A. C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 8/02/1986 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 9/11/1993 – Roma Esito giudizio di primo grado sentenza di condanna Stato del giudizio la Corte di Appello di Roma, in riforma della sentenza di primo grado, ha dichiarato di non doversi procedere nei confronti di un esponente aziendale per morte dell’imputato e nei confronti degli altri per prescrizione - sentenza confermata in Cassazione Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Stato del giudizio Definitivo per rigetto della domanda 120 Imprese in l.c.a. F: Deposito stato passivo Data deposito 11/04/1986 Tribunale competente Roma G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 686.980 100 privilegio generale - professionisti 268.899 100 privilegio generale - agenti 435.990 100 creditori di assicurazione – rami danni (compresa la parte in chirografo) 10.908.592 72 chirografo 1.307.500 65 Totale 13.607.961 H: Deposito piani di riparto finale SI I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 3.501.844 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 3.501.844 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 7.000 Importo: € 18.723.098 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 121 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA LLOYD CENTAURO ITALIANA S.p.A. SEDE IN NAPOLI (Piazza Matteotti, 7 - c.a.p. 80133) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.P.R. 17/11/1978 - G.U. n. 328 del 23/11/1978 Commissario liquidatore avv. Chiara Silvestri Comitato di sorveglianza Dott.ssa Concetta Ferrara - presidente dott.ssa Simonetta Di Simone - componente dott.ssa Paola Maddalena – componente Numero di telefono della liquidazione 081/5510466 Numero di telefax della liquidazione 081/5523415 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria UNIPOL SAI S.p.A. C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 10/01/1979 Tribunale Napoli Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 11/1/1982 – Napoli Esito giudizio di primo grado sentenza di condanna Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI 122 Imprese in l.c.a. E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 23/03/2001 – Napoli Esito del giudizio sentenza di condanna Stato del giudizio la Corte di Appello di Napoli ha dichiarato la nullità della sentenza di primo grado. Il giudizio è stato riassunto innanzi al Tribunale di Napoli F: Deposito stato passivo Data deposito 19/07/1984 Tribunale competente Napoli G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 451.274 100 privilegio generale – professionisti 248.027 100 privilegio generale - agenti 26.379 100 privilegio generale– previdenza sociale 1.385.653 100 crediti ipotecari – credito fondiario 103.291 100 Totale 2.214.624 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 13.363.426 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 607.496 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 13.970.922 123 Bollettino IVASS n. 9/2015 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 14.927 Importo: € 26.427.962 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 2 Importo: € 144.791 124 Imprese in l.c.a. IMPRESA LLOYD NAZIONALE ITALIANO – NITLLOYD S.p.A. CON SEDE IN MILANO (Corso Matteotti, 8 – c.a.p. 20121) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 31/07/1992 - G..U. n. 183 del 5/08/1992 Commissario liquidatore dott.ssa Maura Naponiello Comitato di sorveglianza dott. Enrico Panzacchi - presidente rag. Adriano Gandini – componente Numero di telefono della liquidazione 02/780551 - 02/780552 Numero di telefax della liquidazione 02/76023608 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto non autorizzata al ramo C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 10/11/1992 Tribunale Milano Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 12/12/1997 - Milano Esito giudizio di primo grado sentenza di condanna Stato del giudizio sentenza definitiva di condanna per alcuni amministratori confermata in Cassazione con riconoscimento di provvisionale, per un amministratore pende appello Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non avviata 125 Bollettino IVASS n. 9/2015 F: Deposito stato passivo Data deposito 2/12/2003 Tribunale competente Milano G: Acconti corrisposti ai creditori Vedi punto seguente H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito 12/5/2005 Categoria creditori Importo in euro (al lordo acconti autorizzati) % rispetto agli importi ammessi al passivo maggiorati di interessi privilegio generale - dipendenti 5.501 100 privilegio generale - professionisti 984.404 100 privilegio generale - agenti 9.498 100 privilegio generale - prev. sociale 35.576 100 privilegio generale - altri creditori 21.686 100 creditori di assicurazione – rami danni (compresa la parte in chirografo) 4.069.455 28 su capitale 64,19 su interessi creditori di assicurazione - frazioni premio 687.111 28 altri creditori - chirografo 1.078.381 28 Totale 6.891.612 H bis: Acconti corrisposti ai creditori dopo piano riparto (al 31/03/2010) Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo maggiorati di interessi privilegio generale - professionisti 3.992 100 privilegio generale - agenti 11.879 100 creditori di assicurazione – rami danni 6.385.953 88,02 capitale 100,00 interessi creditori di assicurazione – frazioni di premio 369.197 19,97 altri creditori - chirografo 633.717 19,97 Totale 7.404.738 126 Imprese in l.c.a. I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca (compreso somme non ancora distribuite per irreperibilità dei creditori) € 3.075.742 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 1.751.898 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 1.236.439 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 6.064.079 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 14.132 Importo: € 20.646.673 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 1 Importo: € 371.185 127 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA LLOYD NAZIONALE S.P.A. COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI E RIASSICURAZIONI – GIÀ ASSIOLIMPIA S.P.A. SEDE IN ROMA (Via Massimo, 158 – c.a.p. 00136) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 27/06/1992 – G.U. n. 160 del 9/07/1992 Commissario liquidatore prof. Angelo Cremonese Comitato di sorveglianza prof. avv. AdolfoDi Majo - presidente dott. Pompeo Arienzo - componente rag. Gilda Vermiglio – componente Numero di telefono della liquidazione 06/8558141 Numero di telefax della liquidazione 06/8844500 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 04/06/1993 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva 128 Imprese in l.c.a. D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 06/06/2000 – Roma Esito del giudizio di primo grado condanna di ex amministratori con sospensione della pena detentiva (patteggiamento) Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione No - dichiarata inammissibile Data sentenza di primo grado nei confronti di altri amministratori e sindaci e tribunale competente 05/10/2006 – Roma Esito del giudizio di primo grado condanna di altri ex amministratori e di sindaci a pene detentive in parte condonate Stato del giudizio pendente in appello Costituzione di parte civile della liquidazione No - dichiarata inammissibile E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali e della società di revisione Esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 29/03/2007 - ROMA Esito del giudizio di primo grado condanna di amministratori e sindaci al risarcimento danni Stato del giudizio giudizio di appello in decisione Società di revisione Data sentenza di primo grado e tribunale competente 27/02/2002 - ROMA Esito del giudizio di primo grado respinta la domanda Stato del giudizio Con sentenze del 19/01/2006 e del 29/11/2011 la Corte di Appello e la Corte di Cassazione hanno respinto il ricorso. F: Deposito stato passivo Data deposito 12/11/1999 Tribunale competente Roma 129 Bollettino IVASS n. 9/2015 G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 786.000 100 privilegio generale - professionisti 2.242.702 100 Totale 3.028.702 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 10.504.601 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 2.622.918 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 13.709.484 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 26.837.005 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 22.016 Importo: € 220.701.671 130 Imprese in l.c.a. IMPRESA NORDEST ASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN GENOVA (Corso A. Saffi 39/5 - c.a.p. 16128) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 27/10/1994 – G.U. n. 255 del 31/10/1994 Commissario liquidatore dott. Alessandro Lualdi Comitato di sorveglianza avv. Carlo Alessi – presidente; avv. Stefano Arcifa – componente; dott. Marco Lagomarsino – componente Numero di telefono della liquidazione 010/5531525 Numero di telefax della liquidazione 010/716104 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 09/07/1996 Tribunale Genova Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Stato del giudizio Concluso per intervenuta prescrizione Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non attivata F: Deposito stato passivo Data deposito 12/05/2008 Tribunale competente Genova 131 Bollettino IVASS n. 9/2015 G: Acconti corrisposti ai creditori Vedi punto seguente H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito 21/12/2011 Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 94.340 100 privilegio generale – professionisti 374.370 100 privilegio crediti inps 5.807 100 privilegio agenti 100.774 100 creditori di assicurazione 3.642.047 35 totale 4.217.338 I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 5.825.548 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 184.351 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 6.009.899 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 1923 Importo: € 15.025.154 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 17 Importo: € 781.504 132 Imprese in l.c.a. IMPRESA NOVIT ASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN TORINO (via Pisa 29, c.a.p. 10152) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 07/04/2011 - G.U. n. 99 del 30/04/2011 Commissario liquidatore prof. avv. Andrea Gemma Comitato di sorveglianza avv. Matteo Mungari - presidente prof. avv. Michele S. Desario - componente dott. Giampaolo Provaggi - componente Numero di telefono della liquidazione 011/4836900 Numero di telefax della liquidazione 011/4368129 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto imprese designate C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 12/03/2012 Tribunale Torino Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Non avviato E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali e/o della società di revisione Non avviata F: Deposito stato passivo Data deposito 18/02/2014 Tribunale competente Torino 133 Bollettino IVASS n. 9/2015 G: Acconti corrisposti ai creditori NO H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 5.891.374 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 2.775 Immobili da vendere (valore iscritto in contabilità) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 1.389.084 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 89.925 Totale attivo € 7.373.158 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 9.220 Importo: € 137.570.980 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 8 Importo: € 6.099.066 134 Imprese in l.c.a. IMPRESA PAN ASS COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI E RIASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN MILANO (via Ripamonti, 89 – c.a.p. 20141) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 03/12/1986 - G.U. n. 285 del 09/12/1986 Commissario liquidatore dott. Enrico Panzacchi Comitato di sorveglianza avv. Pierpaolo Galimi - presidente dott. Renato Santini - componente dott. Alessandro Saccani – componente Numero di telefono della liquidazione 02/5693400 Numero di telefax della liquidazione 02/5693400 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria Unipol SAI s.p.a. C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 03/03/1987 Tribunale Milano Stato del giudizio sentenza definitiva 135 Bollettino IVASS n. 9/2015 D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 28/10/1991 – Milano Esito giudizio di primo grado condanna degli ex amministratori con patteggiamento da parte degli imputati e conseguente estromissione della parte civile Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI - nessun risarcimento ottenuto Data sentenza primo grado e tribunale competente 30/10/1991 – Milano Esito giudizio di primo grado condanna (altri ex amministratori) con sospensione della pena, poi condonata Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI - definito risarcimento in via transattiva per complessivi € 75.000 Data sentenza primo grado e tribunale competente 30/10/91 – Milano Esito giudizio di primo grado condanna (altri) con pene condonate Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI - definito risarcimento in via transattiva per complessivi € 27.000 E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e Tribunale competente 10/05/1989 - Milano Esito del giudizio respinte istanze della procedura, decisione confermata in appello e in Cassazione Stato del giudizio sentenza definitiva F: Deposito stato passivo Data deposito 11/09/1995 Tribunale competente Milano G: Acconti corrisposti ai creditori Vedi punto seguente 136 Imprese in l.c.a. H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito 25/06/2010 Categoria creditori Importo in euro (al lordo acconti autorizzati) % rispetto agli importi ammessi al passivo prededuzione 1.378 100 privilegio generale - dipendenti 560.131 100 privilegio generale - professionisti 1.620.557 100 privilegio generale - agenti 230.273 100 crediti ipotecari 837.278 100 crediti previdenziali 139.363 100 crediti erariali 43.531 100 crediti con privilegio mobiliare 10.610 100 crediti di assicurazione 8.091.480 23 Totale 11.534.601 I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 4.260.000 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 3.425 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 1.319.000 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 2.522.000 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 8.116.425 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 1.089 Importo: € 46.497.000 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 1 Importo: € 41.658 137 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA PROGRESS ASSICURAZIONI S.p.A. SEDE IN PALERMO (Piazza Alberigo Gentili 3 - c.a.p. 90143) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 29/03/2010 – G.U. n. 91 del 30/03/2010 Commissario liquidatore avv. Carlo Alessi Comitato di sorveglianza rag. Luigi Andreoli – presidente; avv. Massimo Liguori – componente; avv. Fabrizio Dioguardi – componente Numero di telefono della liquidazione 091/286111 Numero di telefax della liquidazione 091/6259351 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Imprese designate C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 29/03/2011 Tribunale Palermo D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Stato del giudizio Non avviato E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non attivata F: Deposito stato passivo Data deposito 24/09/2014 Tribunale competente Palermo 138 Imprese in l.c.a. G: Acconti corrisposti ai creditori NO H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 127.574.900 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 2.668.500 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 5.829.600 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 21.035.600 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 16.000 Totale attivo € 158.084.600 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 19.553 Importo: € 66.516.100 Posizioni ammesse con riserva Numero: 29.485 Importo: € 203.447.000 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 75 Importo: € 9.980.400 139 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA RAPPRESENTANZA GENERALE PER L’ITALIA DELLA RHONE MEDITERRANEE COMPAGNIA FRANCESE DI ASSICURAZIONE SEDE IN GENOVA (Corso Aurelio Saffi 39/4 -c.a.p. 16128) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 27/10/1994 – G.U. n. 255 del 31/10/1994 Commissario liquidatore dott. Alessandro Lualdi Comitato di sorveglianza prof. Waldemaro Flick – presidente; prof. Lorenzo De Angelis – componente; dott. Marco Lagomarsino – componente Numero di telefono della liquidazione 010/550701 Numero di telefax della liquidazione 010/716104 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 09/07/1996 Tribunale Genova Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Stato del giudizio Concluso per avvenuta prescrizione Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non attivata 140 Imprese in l.c.a. F: Deposito stato passivo Data deposito 30/12/2014 Tribunale competente Genova G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo creditori ipotecari 1.371.455 100 privilegio generale - dipendenti 1.195.387 100 privilegio generale - professionisti 1.560.000 100 Totale 4.126.842 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 11.958.842 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 7.431.845 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 6.194.954 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 522.087 Totale attivo € 26.107.728 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 35.930 Importo: € 45.033.947 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 1 Importo: € 17.486,19 141 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA SAN GIORGIO S.P.A. SEDE IN ROMA (Via Massimi, 158 - c.a.p. 00136) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 15/03/1982 - G.U. n. 73 del 16/03/1982 Commissario liquidatore avv. Piero Cesarei Comitato di sorveglianza avv. Michele Vietti - presidente dott. Cosimo Damiano Totino - componente Rag. Luigi Andreoli - componente Numero di telefono della liquidazione 06/30183543 Numero di telefax della liquidazione 06/30183211 E-mail-pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria Unipol Sai C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 29/01/1983 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 15/05/1993 e 18/02/1991 – Roma Esito giudizio di primo grado condanna per il reato di bancarotta fraudolenta per due consiglieri di amministrazione, pena condonata per un consigliere, assoluzione perché il fatto non costituisce reato per un altro consigliere Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI 142 Imprese in l.c.a. E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Esito del giudizio la Corte di Appello di Roma, in sede di rinvio, con sentenza del 19/09 - 21/11/2001 ha accolto la domanda di risarcimento danni nei confronti dell’amministratore delegato Stato del giudizio sentenza definitiva F: Deposito stato passivo Data deposito 28/01/1988 Tribunale competente Roma G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 416.315 100 privilegio generale - professionisti 192.328 100 privilegio generale - agenti 470.182 100 creditori ipotecari 113.259 100 Totale 1.192.084 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 175.434 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere € 1.718.295 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 1.893.729 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 4.500 Importo: € 25.215.538 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 143 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA SANREMO S.P.A. ASSICURAZIONI E RIASSICURAZIONI SEDE IN ROMA (Via Ennio Quirino Visconti, 103 – c.a.p. 00193) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 19/07/1989 - G.U. 170 del 22/07/1989 Commissario liquidatore prof avv. Giuseppe Terranova Comitato di sorveglianza dott. Alessandro Nardi – presidente avv. Elena Valenza – componente avv. Angela Vecchione – componente Numero di telefono della liquidazione 06/3215803 – 06/3222982 Numero di telefax della liquidazione 06/3223749 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 04/02/1994 Tribunale Roma Stato del giudizio opposizione rigettata con sentenza del Tribunale di Roma del 1° marzo – 9 giugno 1995, appello rigettato con sentenza del 16/3 – 10/5/99, ricorso alla Corte di Cassazione respinto con sentenza del 8/7 – 9/9/05. Con sentenza del 12/03 – 25/6/08 la Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso per la revocazione della sentenza della Corte di Cassazione dell’8/7- 9/9/05. Con sentenza del 24 gennaio 2013 è stato dichiarato inammissibile il ricorso per la revocazione della sentenza della Corte di Appello 144 Imprese in l.c.a. D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 9/2/04-8/4/04 – Roma Esito del giudizio di primo grado condanna di ex amministratori a pene detentive ed al risarcimento del danno, con una provvisionale di € 250.000,00 Stato del giudizio La Corte d’Appello con sentenza 15/6/10 ha confermato la sentenza di primo grado. La Corte di Cassazione con sentenza dell’8 febbraio 2013 ha rigettato il ricorso di controparte con condanna alla spese in favore della liquidazione Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 18/4 – 18/5/2000 – Roma Esito del giudizio di primo grado rigetto della domanda per prescrizione Stato del giudizio la Corte di Appello di Roma ha rigettato l’eccezione di prescrizione e gli appelli incidentali e ha disposto la sospensione del giudizio in attesa della conclusione del giudizio penale. Il ricorso per Cassazione è stato rigettato con sentenza del 10 ottobre 2008. Il procedimento innanzi la Corte d’Appello è stato riassunto ed è stato rinviato all’udienza del 20 ottobre 2015 per la precisazione delle conclusioni. F: Deposito stato passivo Data deposito 28/07/1995 Tribunale competente Roma G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale – dipendenti 930.077 100 privilegio generale – professionisti 2.160.226 100 privilegio generale – agenti 61.058 100 privilegio generale - enti previdenziali 132.485 100 privilegio generale - erario 1.677 100 privilegio speciale – creditori di assicurazione 5.053.163 6 Totale 8.339.146 145 Bollettino IVASS n. 9/2015 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 9.121.444 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 6.473.087 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 4.764.000 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 2.231.648 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 44.199 Totale attivo € 22.634.378 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 16.795 Importo: € 158.257.090 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 2 Importo: € 470.305,93 146 Imprese in l.c.a. IMPRESA SARP ASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN MILANO (Via Volturno, 44 – c.a.p. 20124) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 22/01/1997 - G.U. n. 23 del 29/01/1997 Commissario liquidatore Prof. Roberto Tasca Comitato di sorveglianza dott. Enrico Panzacchi - presidente avv. Paolo Guzzetti - componente sig. Antonio Papa – componente Numero di telefono della liquidazione 02/6966931 Numero di telefax della liquidazione 02/69669331 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. E-mail PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 06/02/2003 Tribunale Milano Stato del giudizio con sentenza del 13/03/2008 Il Tribunale di Milano ha rigettato l’opposizione proposta. Sentenza definitiva. D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente Milano Stato del giudizio dichiarato non luogo a procedere Costituzione di parte civile della liquidazione SI E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Azione non attivata 147 Bollettino IVASS n. 9/2015 F: Deposito stato passivo Data deposito 13/07/2000 Tribunale competente Milano G: Acconti corrisposti ai creditori Vedi punto seguente H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito 18/10/2005 Categoria creditori Importo in euro (al lordo acconti autorizzati) % rispetto agli importi ammessi al passivo creditori pignoratizi 243.995 59 privilegio generale - dipendenti 340.916 100 privilegio generale - professionisti 2.227.380 81 privilegio generale - agenti 390.943 98 privilegio generale – artigiani 1.454 89 privilegio generale - prev. sociale 214.099 85 crediti erariali 1.189 28 crediti del locatore ex art. 2764 c.c. 1.389 87 creditori di assicurazione – rami danni 32.942.726 26 Chirografo 323.304 16 Totale 36.687.395 I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 18.359.355 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 405.243 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 1.547 Totale attivo € 18.766.145 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 4.989 Importo: € 118.692.252 Posizioni relative a riserva condizionale Numero: 1 Importo: € 20.328.960 148 Imprese in l.c.a. IMPRESA SEQUOIA PARTECIPAZIONI S.P.A. SEDE IN TORINO (via Pisa 29, c.a.p. 10152) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 07/04/2011 - G.U. n. 99 del 30/04/2011 Commissario liquidatore prof. avv. Andrea Gemma Comitato di sorveglianza avv. Matteo Mungari - presidente prof. avv. Michele S. Desario - componente dott. Giampaolo Provaggi - componente Numero di telefono della liquidazione 011/4836900 Numero di telefax della liquidazione 011/4368129 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto non applicabile C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 30/08/2012 Tribunale Torino Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Non avviato E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali e/o della società di revisione Non avviata F: Deposito stato passivo NO G: Acconti corrisposti ai creditori NO 149 Bollettino IVASS n. 9/2015 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 129.208 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore iscritto in contabilità) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 23.800 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 € 153.008 150 Imprese in l.c.a. IMPRESA SIAC ASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN MILANO (Via Visconti di Modrone, 36 – c.a.p. 20122) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 13/05/1998 - G.U. n. 112 del 16/05/1998 Commissario liquidatore prof. avv. Bruno Inzitari Comitato di sorveglianza dott. Claudio Ferrario - presidente prof. avv. Michele Siri - componente avv. Pietro Maria Tantalo – componente Numero di telefono della liquidazione 02/76020902 Numero di telefax della liquidazione 02/76021025 E-mail PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Non autorizzata al ramo r.c.auto C: Dichiarazione dello stato di insolvenza NO D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali NO E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Intervenuta transazione F: Deposito stato passivo Data deposito 10/04/2000 Tribunale competente Milano G: Acconti corrisposti ai creditori NO 151 Bollettino IVASS n. 9/2015 H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito 27/11/2006 Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo creditori di assicurazione 510.000 34,56 I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 501.000 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 17.000 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 97.000 Totale attivo € 615.000 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 1.234 Importo: € 5.296.000 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 1 Importo: € 268.000 152 Imprese in l.c.a. IMPRESA S.I.D.A. – SOCIETA’ ITALIANA DI ASSICURAZIONI S.P.A. CON SEDE IN ROMA (Via Massimi, 158 - c.a.p. 00136) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 23/07/1993 - G.U. n. 173 del 26/07/1993 Commissario liquidatore avv. Alessandro Leproux Comitato di sorveglianza dott. Salvatore D’Amico - presidente avv. Vincenzo Dispinseri - componente avv. Piero Cesarei- componente Numero di telefono della liquidazione 06/30183234 Numero di telefono per informazioni ai creditori – ore 9.00-12.00 0630183255 Numero di telefax della liquidazione 06/35420169 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria Groupama Assicurazioni S.p.A. (già Nuova Tirrena) C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 22/06/1994 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 28/09/2007 - Roma Esito giudizio di primo grado dichiarazione non luogo a procedere per intervenuta estinzione del reato per prescrizione Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione NO E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali non ancora avviata azione - interrotta prescrizione 153 Bollettino IVASS n. 9/2015 F: Deposito stato passivo Data deposito 22/02/2001 Tribunale competente Roma G: Acconti corrisposti ai creditori Vedi punto seguente H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito 12/5/2005 Categoria creditori Importo in euro (al lordo acconti autorizzati) % rispetto agli importi ammessi al passivo prededuzione 87.191 100 crediti con privilegio generale 14.556.350 100 privilegio speciale creditori di assicurazione – rami danni 59.675.050 35 creditori di assicurazione – credito degradato in chirografo 16.562.174 15 chirografo - privilegio speciale senza individuazione beni 1.352.272 15 chirografo 5.018.588 15 Importi erogati rientrati 283.628 - Totale 97.535.253 H bis: Ulteriori erogazioni ai creditori dopo piano riparto (autorizzazione del 21 ottobre 2008) Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale 46.572 5 privilegio speciale senza individuazione dei beni- 1.895.442 5 chirografo 1.534.081 5 creditori di assicurazione – credito degradato in chirografo 5.339.742 5 Totale 8.815.837 154 Imprese in l.c.a. I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca (compresi accantonamenti piano di riparto e acconti) € 37.228.000 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 72.000 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 20.738.000 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 212.000 Totale attivo € 58.250.000 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 8.089 Importo: € 251.299.000 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 22 Importo: € 41.772.000 155 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA SILE S.P.A. SEDE IN ROMA (Via Rubicone, 27 – c.a.p. 00198) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 28/03/1981 - G.U. n. 100 del 10/04/1981 Commissario liquidatore Avv. Giorgio Cherubini Comitato di sorveglianza avv. Isidoro Sperti - presidente avv. Angela Vecchioni - componente avv. Paolo Flesca - componente Numero di telefono della liquidazione 06/8542448 Numero di telefax della liquidazione 06/8542448 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Commissario liquidatore C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 26/05/1982 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 16/02/1995 – Roma Esito giudizio di primo grado patteggiamento con un amministratore ed assoluzione degli altri convenuti in giudizio Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI 156 Imprese in l.c.a. E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 13/06/2000 - Roma Esito giudizio di primo grado rigetto delle domande della liquidazione Stato del giudizio con sentenza del 20/10/2003 la Corte d’Appello di Roma ha riformato la sentenza di primo grado ed ha parzialmente accolto le domande della liquidazione con condanna di ex amministratori al risarcimento del danno. La Corte di Cassazione con sentenza del 16/09/2009 ha rigettato tutti i ricorsi ad eccezione della pronuncia di compensazione delle spese di giudizio di un ex amministratore – sentenza definitiva F: Deposito stato passivo Data deposito 18/12/1990 Tribunale competente Roma G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 603.863 100 privilegio generale - professionisti 167.959 100 privilegio generale - agenti 7.458 100 privilegio generale – enti previdenziali 1.058.327 100 privilegio generale – erario 646.702 100 Totale 2.484.309 H: Deposito piani di riparto parziale NO I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 622.153 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 102 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 247.765 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 13.037 Totale attivo € 883.057 157 Bollettino IVASS n. 9/2015 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 4.241 Importo: € 8.281.183 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo 0 158 Imprese in l.c.a. IMPRESA TRANS-ATLANTICA S.P.A. SEDE IN NAPOLI (Riviera di Chiaia, 9 – c.a.p. 80122) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 31/07/1986 - G.U. n. 183 del 08/08/1986 Commissario liquidatore prof. avv. Antonio Blandini Comitato di sorveglianza avv. Francesco Borza - presidente avv. Maura Moscarella - componente prof. Salvatore Sica - componente Numero di telefono della liquidazione 081/7612143 - 081/7612167 Numero di telefax della liquidazione 081/7612143 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria Tua Assicurazioni già Duomo UniOne S.p.A C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 15/07/1987 Tribunale Napoli Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 20/04/2001 – Napoli Esito giudizio di primo grado condanna di ex amministratori e sindaci Stato del giudizio con sentenza della Corte d’Appello di Napoli del 26/06/2008 sono state riformate le condanne; il ricorso promosso in Cassazione dalla Procura Generale è stato dichiarato inammissibile con sentenza del 23/02/10 Costituzione di parte civile della liquidazione SI 159 Bollettino IVASS n. 9/2015 E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e Tribunale competente 31/05/2000 dep. 10/11/2000 - Napoli Esito del giudizio negativo per la liquidazione Stato del giudizio con sentenza di appello del 17/04/2003 sono stati condannati esponenti aziendali al pagamento di € 1.423.665 oltre interessi; è stata transatta una posizione con l’incasso di € 590.000; il ricorso nei confronti degli altri esponenti aziendali è stato respinto dalla Suprema Corte di Cassazione. Il Tribunale di Napoli ha dichiarato l’estinzione del processo nei confronti dell’ex Direttore Generale condannato in sede penale in corso di tempo deceduto.. F: Deposito stato passivo Data deposito 28/10/1996 Tribunale competente Napoli G: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 458.589 100 privilegio generale - professionisti 617.567 100 privilegio generale - agenti 331.294 100 privilegio generale - altri crediti 1.444 100 privilegio generale - prev. sociale 80.598 100 privilegio generale – crediti erariali 40.047 100 Totale 1.529.539 H: Deposito piani di riparto parziale NO 160 Imprese in l.c.a. I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 1.444.897 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 6.000.000 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 7.000.000 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 133.141 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 14.578.038 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 1.134 Importo: € 34.260.921 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 161 Bollettino IVASS n. 9/2015 IMPRESA UNICA ASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN MILANO (Largo Richini,2/a– c.a.p. 20122) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 04/08/1984 – G.U. n. 217 del 08/08/1984 Commissario liquidatore dott. avv. Pierpaolo Galimi Comitato di sorveglianza Toni Atrigna – presidente avv. Paolo Barbanti Silva – componente avv. Fabrizio Colonna - componente Numero di telefono della liquidazione 02/36684000 Numero di telefax della liquidazione 02/32066622 E-mail PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria Ambra Assicurazioni s.p.a. in L.C.A. C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 22/10/1985 Tribunale Milano Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 18/07/1994 – Milano Esito giudizio di primo grado gli imputati hanno patteggiato Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione SI 162 Imprese in l.c.a. E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 30/01/1997 - Milano Esito del giudizio dichiarata l’estinzione del giudizio Stato del giudizio con sentenze di appello n. 2760/1999 e della Corte di Cassazione n. 14102/02 è stata confermata l’estinzione del giudizio. La procedura ha incassato € 300.000 dall’assicurazione del legale responsabile dell’esito negativo del giudizio F: Deposito stato passivo Data deposito 14/10/1992 Tribunale competente Milano G: Acconti corrisposti ai creditori Vedi punto seguente H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito 08/04/2010 Categoria creditori Importo in euro (al lordo acconti autorizzati) % rispetto agli importi ammessi al passivo prededuzione 329.585 100 privilegio generale - dipendenti 551.297 100 privilegio generale - professionisti 263.603 50 privilegio generale - agenti 99.653 50 Totale 1.244.138 163 Bollettino IVASS n. 9/2015 I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 4.038.768 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 580.000 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 1.107.746 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 5.726.514 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 1.371 Importo: € 35.658.522 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 164 Imprese in l.c.a. IMPRESA UNIONE EURO-AMERICANA DI ASSICURAZIONI S.P.A. SEDE IN ROMA (Via Massimi, 158 – c.a.p. 00136) A: Informazioni Generali Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 23/07/1993 - G.U. n. 173 del 26/07/1993 Commissario liquidatore avv. Alessandro Leproux Comitato di sorveglianza dott. Salvatore D’Amico - presidente avv. Vincenzo Dispinseri - componente avv. Piero Cesarei - componente Numero di telefono della liquidazione 06/30183234 Numero di telefono per informazioni creditori - ore 9:00-12:00 0630183255 Numero di telefax della liquidazione 06/35420169 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. B: Sistema di liquidazione dei sinistri r.c. auto Impresa cessionaria Groupama Assicurazioni S.p.A.(già Nuova Tirrena) C: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 22/06/1994 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva D: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 14/05/07 - Roma Esito giudizio di primo grado dichiarazione non luogo a procedere per intervenuta estinzione del reato per prescrizione Stato del giudizio sentenza definitiva Costituzione di parte civile della liquidazione NO E: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non ancora avviata azione - interrotta prescrizione 165 Bollettino IVASS n. 9/2015 F: Deposito stato passivo Data deposito 22/02/2001 Tribunale competente Roma G: Acconti corrisposti ai creditori Vedi punto seguente H: Deposito piani di riparto parziale Data deposito 12/5/2005 Categoria creditori Importo in euro (al lordo acconti in precedenza autorizzati e comprese tardive e opposizioni successivamente definite) % rispetto agli importi ammessi al passivo prededuzione 50.910 100 creditori con privilegio generale 6.714.638 100 creditori di assicurazione – rami danni 34.127.523 50 chirografo - priv. speciale senza individuazione beni 290.510 14 chirografo - quota eccedente rami danni 4.769.196 14 chirografo 675.310 14 importi erogati rientrati 252.005 Totale 46.880.092 H bis: Ulteriori pagamenti corrisposti ai creditori dopo piano riparto (autorizzazione del 21/10/2008) Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale 3.130 100 privilegio speciale con individuazione dei beni- rami danni 124.064 6 privilegio speciale con individuazione dei beni 401.264 6 chirografo 295.989 6 chirografo quota eccedente rami danni 1.989.005 6 Totale 2.813.452 166 Imprese in l.c.a. I: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca (compresi accantonamenti piano di riparto e acconti) € 6.493.000 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 20.000 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 2.038.000 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 4.303.000 Altre attività ancora da realizzare (valore iscritto in contabilità) € 95.000 Totale attivo € 12.949.000 L: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 5.436 Importo: € 85.163.000 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 7 Importo: € 24.326.000 167 Bollettino IVASS n. 9/2015 3.1.2 GRUPPO B) LIQUIDAZIONI COATTE AMMINISTRATIVE DI SOCIETA’ NON ASSICURATIVE DEL GRUPPO PREVIDENZA SITUAZIONE AL 30 GIUGNO 2015 Il gruppo era costituito dalla Previdenza s.p.a. e da n. 24 società controllate, tutte poste in liquidazione coatta amministrativa. Al 30 giugno 2015 risultano chiuse le procedure liquidative delle seguenti n. 15 società: Andromeda Immobiliare s.r.l., Aprilia Cinque s.r.l., Cantiere Tevere Sicen s.r.l., Costruzioni Vega s.r.l., Finloan Italia s.r.l., Flavia I s.r.l., Gefinas s.p.a., Iniziativa Immobiliare Villalba s.r.l., Navar Cantieri s.r.l., Nuova Avian s.p.a., Parco delle Rughe s.r.l., Podere Rovedina s.r.l., Reno Fly s.r.l., Sud Appalti s.r.l., Tiber Immobiliare s.r.l.. Per tutte le liquidazioni coatte amministrative è stato nominato un unico commissario liquidatore ed un unico comitato di sorveglianza. Informazioni Generali Commissario liquidatore prof. avv. Filippo Satta Comitato di sorveglianza prof. avv. Michele Siri - presidente avv. Angela Vecchione- componente avv. Paolo Flesca- componente Sede uffici delle liquidazioni Via del Foro Traiano, 1/a - 00187 Roma (studio del commissario) Numero di telefono della liquidazione 06/3224933 Numero di telefax della liquidazione 06/32111843 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 168 Imprese in l.c.a. SOCIETA’ PREVIDENZA S.P.A. Capogruppo A: Provvedimento di liquidazione Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 16/10/1985 - G.U. n. 248 del 21/10/1985 B: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 3/11/1987 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva C: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza primo grado e tribunale competente 25/11/1994 – Roma Esito giudizio di primo grado condanna di esponenti aziendali Stato del giudizio con sentenza del 22/3/1999 la Corte di Cassazione ha riformato la sentenza d’appello per alcune posizioni senza rinvio e per altre con rinvio ad altra sezione della Corte d’Appello che ha successivamente assolto alcuni imputati. Costituzione di parte civile della liquidazione SI D: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Stato del giudizio riassunto in sede penale – condanna dei convenuti risultati incapienti E: Deposito stato passivo Data deposito 29/11/1991 Tribunale competente Roma F: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - dipendenti 805.543 100 169 Bollettino IVASS n. 9/2015 G: Deposito piani di riparto parziale NO H: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 255.767 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 1.150.000 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 206.583 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 1.612.350 I: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 14.732 Importo: € 159.131.035 Posizioni ammesse con riserva Numero: 1 Importo: € 17.728.294 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 1 Importo: € 132.508 170 Imprese in l.c.a. SOCIETA’ CASALONE S.R.L. A: Provvedimento di liquidazione Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 04/12/1987 - G.U. n. 288 del 10/12/1987 B: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 3/11/1987 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva C: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Vedi Capogruppo D: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 14/04/1994 - Roma Esito del giudizio di primo grado domanda della procedura rigettata Stato del giudizio sentenza definitiva E: Deposito stato passivo Data deposito 27/07/1988 Tribunale competente Roma F: Acconti corrisposti ai creditori NO G: Deposito piani di riparto parziale NO 171 Bollettino IVASS n. 9/2015 H: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 13 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 184.102 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 184.115 I: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 12 Importo: € 656.265 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 172 Imprese in l.c.a. SOCIETA’ CASTLE IMMOBILIARE S.R.L. A: Provvedimento di liquidazione Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 11/05/1988 - G.U. n. 114 del 17/05/1988 B: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 04/03/1988 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva C: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Vedi Capogruppo D: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 15/03/1996 - Roma Esito del giudizio di primo grado condanna dei convenuti al pagamento di € 21.339.999 Stato del giudizio durante il giudizio di appello alcuni convenuti con atto di transazione del 12/06/2001 hanno versato la somma complessiva di € 108.456 E: Deposito stato passivo Data deposito 09/01/1991 Tribunale competente Roma F: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo prededuzione 7.180 100 creditori privilegiati - dipendenti 181.831 100 creditori privilegiati - professionisti 69.072 100 creditori privilegiati - artigiani 5.502 100 Totale 263.585 173 Bollettino IVASS n. 9/2015 G: Deposito piani di riparto parziale NO H: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 144.645 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 700.000 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 5.098.781 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 5.943.426 I: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 73 Importo: € 20.223.116 Posizioni ammesse con riserva Numero: 3 Importo: € 37.190.637 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 174 Imprese in l.c.a. SOCIETA’ EMMECIVI S.R.L. A: Provvedimento di liquidazione Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 04/12/1987 - G.U. n. 288 del 10/12/1987 B: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 3/11/1987 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva C: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Vedi Capogruppo D: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 24/01/1989 - Roma Esito del giudizio di primo grado condanna del convenuto al pagamento di € 4.275 non incassato per mancanza di beni Stato del giudizio sentenza definitiva E: Deposito stato passivo Data deposito 23/06/1988 Tribunale competente Roma F: Acconti corrisposti ai creditori NO G: Deposito piani di riparto parziale NO 175 Bollettino IVASS n. 9/2015 H: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 0 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 1.084.559 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 1.084.559 I: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 5 Importo: € 895.455 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 176 Imprese in l.c.a. SOCIETA’ EUROMANAGEMENT ITALIA INTERNATIONAL SELECTIVE BROKERS S.P.A. A: Provvedimento di liquidazione Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 29/10/1990 - G.U. n. 270 del 19/11/1990 B: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 21/02/1990 Tribunale Napoli Stato del giudizio sentenza definitiva C: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Vedi Capogruppo D: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non attivata E: Deposito stato passivo Data deposito 02/07/1993 Tribunale competente Napoli F: Acconti corrisposti ai creditori NO G: Deposito piani di riparto parziale NO 177 Bollettino IVASS n. 9/2015 H: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 0 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 0 I: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 9 Importo: € 5.031.808 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 178 Imprese in l.c.a. SOCIETA’ FINCAMBI S.P.A. A: Provvedimento di liquidazione Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 11/05/1988 - G.U. n. 114 del 17/05/1988 B: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 04/03/1988 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva C: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Vedi Capogruppo D: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Data sentenza di primo grado e tribunale competente 05/03/1996 - Roma Esito del giudizio di primo grado condanna dei convenuti al pagamento di € 2.695.905 non incassati per mancanza di beni dei convenuti Stato del giudizio sentenza definitiva E: Deposito stato passivo Data deposito 19/06/1989 Tribunale competente Roma F: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale-dipendenti 25.750 100 privilegio generale-professionisti 20.338 100 privilegio generale - prev. sociale 96.026 100 creditori ipotecari 105.946 100 Totale 248.060 179 Bollettino IVASS n. 9/2015 G: Deposito piani di riparto parziale NO H: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 300.131 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 500.000 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 800.131 I: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 49 Importo: € 14.683.102 Posizioni ammesse con riserva Numero: 2 Importo: € 6.870.463 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 180 Imprese in l.c.a. SOCIETA’ FORTE FILIPPO S.R.L. A: Provvedimento di liquidazione Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 10/02/1989 - G.U. n. 40 del 17/02/1989 B: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 22/10/1988 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva C: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Vedi Capogruppo D: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non attivata E: Deposito stato passivo Data deposito 07/06/1990 Tribunale competente Roma F: Acconti corrisposti ai creditori NO G: Deposito piani di riparto parziale NO 181 Bollettino IVASS n. 9/2015 H: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 120.453 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 120.423 I: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 13 Importo: € 2.035.287 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 182 Imprese in l.c.a. SOCIETA’ OVERSEAS TRADE CENTER S.P.A. A: Provvedimento di liquidazione Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 11/05/1988 - G.U. n. 114 del 17/05/1988 B: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 04/03/1988 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva C: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Vedi Capogruppo D: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non attivata E: Deposito stato passivo Data deposito 05/02/1992 Tribunale competente Roma F: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo prededuzione - erario 109 100 privilegio generale - dipendenti 215.081 40 Totale 215.190 G: Deposito piani di riparto parziale NO 183 Bollettino IVASS n. 9/2015 H: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 2.298 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 2.298 I: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 138 Importo: € 105.321.161 Posizioni ammesse con riserva Numero: 2 Importo: € 2.993.928 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 184 Imprese in l.c.a. SOCIETA’ RENO FINANZIARIA S.P.A. A: Provvedimento di liquidazione Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 06/04/1990 - G.U. n. 92 del 20/04/1990 B: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 28/09-04/10/1989 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva C: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Vedi Capogruppo D: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non attivata E: Deposito stato passivo Data deposito 24/11/1992 Tribunale competente Roma F: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo prededuzione 3.684 100 privilegio generale - dipendenti 183.378 100 privilegio generale - professionisti 1.410 100 creditori ipotecari 68.296 100 Totale 256.768 185 Bollettino IVASS n. 9/2015 G: Deposito piani di riparto parziale NO H: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 0 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 0 Totale attivo € 0 I: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 30 Importo: € 21.018.720 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 186 Imprese in l.c.a. SOCIETA’ SICAMINÓ S.P.A. A: Provvedimento di liquidazione Estremi del provvedimento di liquidazione D.M. 11/05/1988 - G.U. n. 114 del 17/05/1988 B: Dichiarazione dello stato di insolvenza Data della sentenza 04/03/1988 Tribunale Roma Stato del giudizio sentenza definitiva C: Giudizio penale nei confronti degli esponenti aziendali Vedi Capogruppo D: Azione di responsabilità nei confronti degli esponenti aziendali Non attivata E: Deposito stato passivo Data deposito 10/02/1989 Tribunale competente Roma F: Acconti corrisposti ai creditori Categoria creditori Importo in euro % rispetto agli importi ammessi al passivo privilegio generale - professionisti 2.229 100 altri privilegi generali 556 100 chirografo 40.367 100 Totale 43.152 G: Deposito piani di riparto parziale NO 187 Bollettino IVASS n. 9/2015 H: Situazione dell’attivo Disponibilità liquide in cassa e banca € 51.758 Titoli in patrimonio (valore nominale) € 0 Immobili da vendere (valore ultima stima) € 0 Crediti ancora da recuperare (valore iscritto in contabilità) € 11.799 Totale attivo € 63.557 I: Stato Passivo Posizioni ammesse in via definitiva Numero: 8 Importo: € 42.817 Posizioni relative ad opposizioni, impugnazioni e insinuazioni tardive in corso Numero: 0 Importo: 0 188 4. ATTI COMUNITARI DI INTERESSE PER IL SETTORE ASSICURATIVO Atti comunitari di interesse per il settore assicurativo 4.1 SELEZIONE DALLA GAZZETTA UFFICIALE DELL’UNIONE EUROPEA GAZZETTA UFFICIALE DELL’UNIONE EUROPEA DESCRIZIONE DELL’ATTO L 230 del 3 settembre 2015 Decisione del Comitato Misto SEE n. 243/2014 del 24 ottobre 2014 che modifica l'allegato XXII (Diritto societario) dell'accordo SEE [2015/1467]. C 291 del 4 settembre 2015 Parere del Comitato economico e sociale europeo sul tema «Autoregolamentazione e coregolamentazione nel quadro legislativo dell’UE» (parere d’iniziativa) (2015/C 291/05). C 293 del 5 settembre 2015 Notifica preventiva di concentrazione (Caso M.7740 — Apollo Management/CDG) Caso ammissibile alla procedura semplificata (2015/C 293/05). C 294 del 7 settembre 2015 Sentenza della Corte (Sesta Sezione) del 9 luglio 2015 (domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dalla Judecătoria Câmpulung — Romania) — Maria Bucura/SC Bancpost SA (Causa C-348/14) ( 1 ) (Rinvio pregiudiziale — Tutela dei consumatori — Direttiva 87/102/CEE — Articolo 1, paragrafo 2, lettera a) — Credito al consumo — Nozione di «consumatore» — Direttiva 93/13/CEE — Articoli 2, lettera b), da 3 a 5 e 6, paragrafo 1 — Clausole abusive — Esame d’ufficio da parte del giudice nazionale — Clausole formulate «in modo chiaro e comprensibile» — Informazioni che devono essere fornite da parte del creditore) (2015/C 294/19). C 301 del 12 settembre 2015 Notifica preventiva di concentrazione (Caso M.7595 — TDR Capital/LeasePlan) Caso ammissibile alla procedura semplificata (2015/C 301/09). L 241 del 17 settembre 2015 Direttiva (UE) 2015/1535 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9 settembre 2015 che prevede una procedura d'informazione nel settore delle regolamentazioni tecniche e delle regole relative ai servizi della società dell'informazione (codificazione). C 308 del 18 settembre 2015 Notifica preventiva di concentrazione (Caso M.7727 — Colony/AXA/Data 4 Group) Caso ammissibile alla procedura semplificata (2015/C 308/14). C 310 del 19 settembre 2015 Notifica preventiva di concentrazione (Caso M.7768 — Exor/PartnerRe) Caso ammissibile alla procedura semplificata (2015/C 310/06). 191 Bollettino IVASS n. 9/2015 C 311 del 21 settembre 2015 Sentenza della Corte (Quinta Sezione) del 16 luglio 2015 (domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dalla Cour de cassation — Francia) — Directeur général des finances publiques/Mapfre asistencia compañia internacional de seguros y reaseguros SA e Mapfre warranty SpA/Directeur général des finances publiques (Causa C-584/13) (1) (Rinvio pregiudiziale — Fiscalità — Imposta sulla cifra d’affari — Ambito di applicazione — Esenzione — Nozione di «operazioni di assicurazione» — Nozione di «prestazioni di servizi» — Somma forfettaria destinata alla prestazione di una garanzia per il caso di guasto di un veicolo usato) (2015/C 311/03). C 313 del 22 settembre 2015 Parere del Comitato europeo delle regioni — Libro verde — Costruire un’Unione dei mercati dei capitali (2015/C 313/05). L 248 del 24 settembre 2015 Decisione delegata (UE) 2015/1602 della Commissione del 5 giugno 2015 sull'equivalenza del regime di solvibilità e prudenziale per le imprese di assicurazione e riassicurazione in vigore in Svizzera, in conformità all'articolo 172, paragrafo 2, all'articolo 227, paragrafo 4, e all'articolo 260, paragrafo 3, della direttiva 2009/138/CE del Parlamento europeo e del Consiglio. 192 5. STATISTICHE Statistiche 5.1 SANZIONI STATISTICHE SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE I SEMESTRE 2015 1. Esito procedimenti sanzionatori (importi in euro) NUMERO % IMPORTO ORDINANZE DI PAGAMENTO 858 92,0 7.241.150 PROVVEDIMENTI DI ARCHIVIAZIONE 75 8,0 ----- TOTALE 933 100,0 7.241.150 2. Ordinanze di Ingiunzione – Dettaglio per tipologia di violazione (importi in euro) VIOLAZIONI IN MATERIA DI R.C.AUTO ALTRE VIOLAZIONI TOTALE Liquid.ne Sinistri Attestati di rischio Banca dati Altri illeciti RCA TOTALE Numero Ordinanze 496 77 0 88 661 197 858 % 57,8 9,0 0,0 10,2 77,0 23,0 100,0 Importo Ordinanze 2.811.610 290.000 0 409.000 3.510.610 3.730.540 7.241.150 % 38,8 4,0 0,0 5,7 48,5 51,5 100,0 3. Ordinanze di Ingiunzione – Dettaglio per destinatari (importi in euro) IMPRESE INTERMEDIARI ALTRI TOTALE Numero Ordinanze 686 172 0 858 % 80,0 20,0 0,0 100,0 Importo Ordinanze 4.211.316 3.029.834 0 7.241.150 % 58,2 41,8 0,0 100,0 195 Bollettino IVASS n. 9/2015 4. Ordinanze di Ingiunzione – Dettaglio per Servizio che istruisce il procedimento (importi in euro) TUTELA DEL CONSUMATORE VIGILANZA PRUDENZIALE VIGILANZA INTERMEDIARI ISPETTORATO STUDI E GESTIONE DATI TOTALE Numero Ordinanze 670 8 159 21 0 858 % 78,1 0,9 18,5 2,5 0,0 100,0 Importo Ordinanze 3.407.396 297.500 2.685.334 850.920 0 7.241.150 % 47,1 4,1 37,1 11,7 0,0 100,0 5. Ordinanze di Ingiunzione – Dettaglio relativo alle prime 10 imprese (importi in euro) N. IMPRESA NUMERO IMPORTO IMPORTO MEDIO PER SANZIONE 1 UNIPOLSAI S.P.A. 130 824.148 6.340 2 CARIGE ASSICURAZIONI S.P.A. 67 614.628 9.174 3 GENERALI ITALIA S.P.A. 77 322.240 4.185 4 ZURICH INSURANCE PLC - RAPP. GEN. PER L'ITALIA 37 295.336 7.982 5 LE ASSICURAZIONI DI ROMA - MUTUA ASSICURATRICE ROMANA 4 190.000 47.500 6 COVEA FLEET S.A. 22 164.750 7.489 7 GROUPAMA ASSICURAZIONI S.P.A. 40 157.140 3.929 8 UCI 40 148.983 3.725 9 SOCIETA' CATTOLICA DI ASSICURAZIONE - SOCIETA' COOPERATIVA 21 142.250 6.774 10 SARA ASSICURAZIONI S.P.A. 16 127.700 7.981 TOTALE 454 2.987.175 6.580 TOTALE MERCATO 858 7.241.150 8.440 Percentuale delle prime 10 imprese sul totale mercato 52,9 41,3 196 Statistiche 6. Ordinanze di Ingiunzione – Dettaglio relativo alle prime 10 imprese – Ramo R.C.Auto (importi in euro) N. IMPRESA NUMERO % SUL NUMERO SANZIONI R.C.AUTO MERCATO IMPORTO % SULL'IMPORTO SANZIONI R.C.AUTO MERCATO IMPORTO MEDIO PER SANZIONE R.C.AUTO QUOTA DI MERCATO R.C.AUTO (2014) 1 UNIPOLSAI S.P.A. 129 19,5 820.148 23,3 6.358 26,3% 2 CARIGE ASSICURAZIONI S.P.A. 66 10,0 559.628 15,9 8.479 1,2% 3 GENERALI ITALIA S.P.A. 76 11,5 318.240 9,1 4.187 11,3% 4 ZURICH INSURANCE PLC - RAPP. GEN. PER L'ITALIA 36 5,4 283.630 8,1 7.879 3,1% 5 COVEA FLEET S.A. 22 3,3 164.750 4,7 7.489 --- 6 GROUPAMA ASSICURAZIONI S.P.A. 40 6,1 157.140 4,5 3.929 4,4% 7 UCI 40 6,1 148.983 4,2 3.725 --- 8 SOCIETA' CATTOLICA DI ASSICURAZIONE - SOCIETA' COOPERATIVA 20 3,0 136.250 3,9 6.813 4,3% 9 SARA ASSICURAZIONI S.P.A. 16 2,4 127.700 3,6 7.981 2,3% 10 GENIALLOYD S.P.A. 15 2,3 121.460 3,5 8.097 2,8% TOTALE 460 69,6 2.837.929 80,8 6.169 55,7% TOTALE MERCATO 661 3.510.610 5.311 197 Bollettino IVASS n. 9/2015 7. Ordinanze di Ingiunzione – Dettaglio relativo ai primi 10 gruppi assicurativi – Ramo R.C.Auto (importi in euro) N. GRUPPI ASSICURATIVI NUMERO % SUL NUMERO SANZIONI R.C.AUTO MERCATO IMPORTO % SULL'IMPORTO SANZIONI R.C.AUTO MERCATO IMPORTO MEDIO PER SANZIONE R.C.AUTO QUOTA DI MERCATO R.C.AUTO (2014) 1 UNIPOL 158 23,9 900.598 25,6 5.700 28,1% 2 BANCA CARIGE 66 10,0 559.628 15,9 8.479 1,2% 3 GENERALI 80 12,1 324.440 9,2 4.056 13,7% 4 ALLIANZ 41 6,2 184.605 5,3 4.503 14,9% 5 CATTOLICA ASSICURAZIONI 28 4,2 170.300 4,9 6.082 6,4% 6 SARA 17 2,6 131.750 3,7 7.750 2,4% 7 AXA ITALIA 28 4,2 66.050 1,9 2.359 4,7% 8 HELVETIA* 9 1,4 38.000 1,1 4.222 1,1% 9 ZURICH ITALIA 9 1,4 34.895 1,0 3.877 0,7% 10 ASSICURATRICE MILANESE 4 0,6 17.370 0,5 4.343 0,1% TOTALE 440 66,6 2.427.636 69,1 5.517 73,3% TOTALE MERCATO 661 3.510.610 5.311 * Dal 26 febbraio 2015 sono passate nel gruppo assicurativo Helvetia le società del gruppo Nationale Suisse Italia, cancellato dall’Albo Gruppi. Per la società Nationale Suisse s.p.a., operante nel ramo r.c. auto con una quota di mercato nel 2014 pari allo 0,3%, sono state, pertanto, considerate solo le ordinanze successive alla suddetta data. 8. Ordinanze di Ingiunzione - Dettaglio relativo alle prime 5 sanzioni (importi in euro) N. Destinatario Sanzione 1 FIORITO DOMENICO (intermediario) 680.000 2 MARCONCINI NICOLA - in qualità di legale rappresentante della L.B.M. di Nicola Marconcini e C. s.a.s. (intermediario) 244.000 3 GABBANELLA FABIOLA (intermediario) 172.000 4 LE ASSICURAZIONI DI ROMA - MUTUA ASSICURATRICE ROMANA 145.000 5 COMPASS S.P.A. (intermediario) 100.000 5 INTESA SAN PAOLO S.P.A. (intermediario) 100.000 TOTALE 1.441.000 TOTALE MERCATO 7.241.150 198 6. ALTRE NOTIZIE Altre notizie 6.1 TRASFERIMENTI DI PORTAFOGLIO DI IMPRESE DELLO SPAZIO ECONOMICO EUROPEO Comunicazione del trasferimento del portafoglio assicurativo danni, ivi inclusi contratti per assicurati residenti in Italia, a seguito di fusione da “Helvetia Versicherungen Österreich AG” a “Helvetia Versicherungen AG”, entrambe con sede in Austria. L’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni - IVASS, dà notizia che l’Autorità di Vigilanza austriaca ha comunicato l’approvazione del trasferimento del portafoglio assicurativo danni, a seguito di fusione, da “Helvetia Versicherungen Österreich AG” a “Helvetia Versicherungen AG”, con effetto 28 agosto 2015. Il trasferimento non è causa di risoluzione dei contratti trasferiti, ma i contraenti che hanno il loro domicilio abituale o, se persone giuridiche, la sede legale nel territorio della Repubblica possono recedere dai rispettivi contratti entro il termine di sessanta giorni dalla pubblicazione della presente comunicazione. 201 Bollettino IVASS n. 9/2015 6.2 TASSO DI INTERESSE GARANTIBILE NEI CONTRATTI RELATIVI AI RAMI VITA Determinazione dei tassi massimi di interesse da applicare ai contratti dei rami vita espressi in euro che prevedono una garanzia di tasso di interesse. Regolamento ISVAP n. 21 del 28 marzo 2008 (Valori percentuali) Mese di rilevazione Rendimento Lordo del titolo di Stato guida BTP a 10 anni TMO 60%TMO Tasso massimo garantibile (TMG) 75%TMO Tasso massimo garantibile (TMG) (1) (2) (3) (4) 2012 giu 5.904 5.901 3.541 3.00 4.426 4.00 lug 5.996 5.946 3.567 3.50 4.459 4.00 ago 5.882 5.882 3.529 3.50 4.412 4.00 set 5.254 5.254 3.152 3.50 3.941 4.00 ott 4.953 4.953 2.972 3.50 3.715 4.00 nov 4.851 4.851 2.911 3.50 3.638 4.00 dic 4.542 4.542 2.725 2.75 3.407 4.00 2013 gen 4.208 4.208 2.525 2.75 3.156 4.00 feb 4.493 4.493 2.696 2.75 3.370 3.25 mar 4.640 4.640 2.784 2.75 3.480 3.25 apr 4.278 4.278 2.567 2.75 3.209 3.25 mag 3.964 3.964 2.378 2.75 2.973 3.25 giu 4.379 4.379 2.627 2.75 3.284 3.25 lug 4.418 4.418 2.651 2.75 3.314 3.25 ago 4.419 4.419 2.651 2.75 3.314 3.25 set 4.541 4.474 2.684 2.75 3.355 3.25 ott 4.248 4.248 2.549 2.75 3.186 3.25 nov 4.095 4.095 2.457 2.75 3.071 3.25 dic 4.114 4.155 4.155 2.75 3.086 3.25 2014 gen 3.866 3.866 2.320 2.75 2.900 3.25 feb 3.651 3.651 2.191 2.75 2.738 3.25 mar 3.399 3.399 2.039 2.25 2.549 3.25 apr 3.228 3.228 1.937 2.25 2.421 2.50 mag 3.123 3.123 1.874 2.25 2.342 2.50 giu 2.920 2.920 1.752 2.25 2.190 2.50 lug 2.794 2.794 1.676 1.75 2.096 2.50 ago 2.633 2.633 1.580 1.75 1.975 2.50 set 2.400 2.400 1.440 1.75 1.800 2.00 ott 2.424 2.424 1.454 1.75 1.818 2.00 nov 2.29 2.290 1.374 1.50 1.718 2.00 dic 1.99 1.990 1.194 1.50 1.493 2.00 2015 gen 1.702 1.702 1.021 1.50 1.277 2.00 feb 1.557 1.557 0.934 1.00 1.168 1.25 mar 1.294 1.294 0.776 1.00 0.971 1.25 apr 1.357 1.357 0.814 1.00 1.018 1.25 mag 1.812 1.812 1.087 1.00 1.359 1.25 giu 2.199 2.038 1.223 1.00 1.528 1.25 lug 2.042 1.975 1.185 1.00 1.481 1.25 ago 1.839 1.839 1.103 1.00 1.379 1.25 (4) Tasso massimo applicabile, limitatamente ai primi otto anni della durata contrattuale, per i contratti a premio unico di assicurazione sulla vita non di puro rischio e di capitalizzazione, semprechè l'impresa disponga di un'idonea provvista di attivi per la copertura

Class Consulting Srl

Piazza De Gasperi, 24

21047 Saronno (VA)

P.IVA 02354290351

Contatti

Tel. +39 02 96248961

fax. +39 02 96704582

Mail. info@class-consulting.it

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito.

Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Approvo

numero verde